Il contributo occupazionale delle micro imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo occupazionale delle micro imprese

micro impreseSono diverse le variabili che possono favorire la creazione di nuova occupazione nelle imprese. La struttura, ad esempio. Oppure i mercati di riferimento, interno ed estero. O, ancora, l’età. Ovviamente molto ruota attorno al ciclo produttivo, ma quale tipologia d’impresa è maggiormente orientata alle assunzioni?
Il Rapporto sulla competitività dei settori produttivi dell’Istat risponde a questa domanda. Prima, però, partiamo da alcuni spunti generali. Stando a recenti dati Eurostat, il nostro paese si colloca ai vertici per numero di micro imprese e posti di lavoro generati da quest’ultime. Inoltre, secondo il rapporto L’Italia in dieci seflie 2016 della Fondazione Symbola, possiamo vantare alcune eccellenze (dall’agroalimentare alla green economy) che producono spunti interessanti anche in termini occupazionali.
Ad ogni modo la produttività è la chiave di tutto. Spiega infatti l’Istat che tra le micro imprese a più alta produttività la possibilità di aumentare l’occupazione è di oltre un terzo superiore a quella delle micro imprese con una produttività più ridotta (e questo al di là del settore di attività economica in cui operano, sia nella manifattura sia nei servizi). Per le imprese più produttive le possibilità di aumentare l’occupazione sono di 7-15 punti percentuali superiori alle altre.
Soprattutto nel settore manifatturiero, le imprese export oriented registrano un migliore contributo alla crescita dell’occupazione. Quindi le imprese esportatrici – quelle, cioè, che esportano almeno il 5% del proprio fatturato – presentano maggiori probabilità di creare posti di lavoro rispetto alle imprese meno propense all’apertura internazionale.
Non solo. Che il contributo delle micro imprese alla crescita di occupazione sia particolarmente rilevante non deve stupire troppo: in Italia quasi nove imprese su dieci sono di piccolissime dimensioni. E, tra le micro imprese più che tra le altre, le unità al di sotto dei cinque anni mostrano una maggiore capacità di incrementare le posizioni lavorative.
Nelle grandi imprese, invece, le possibilità di aumentare occupazione sono frequenti piuttosto tra le unità più mature. Questo perché, sottolinea l’Istat nel rapporto, “le grandi imprese giovani sono per lo più il risultato di operazioni di fusione e acquisizione che tendono ad avere una limitata dinamica occupazionale negli anni immediatamente successivi”.

 

Scrivi una replica

News

Roma, Raggi: “Archiviato il caso Romeo. Su di me solo fango”

“Infondatezza della notizia di reato. Con queste parole il Tribunale di Roma ha cancellato più di un anno di schizzi di fango, ricostruzioni fantasiose e…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fca, a Marchionne 9,6 milioni di euro nel 2017

Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca, ha percepito un compenso di 9.676.303 di euro ne 2017. Il compenso base è stato di 3,5 milioni mentre…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Berlusconi: “Il Pd è fuori dalla competizione”

“Il Partito democratico è fuori dalla competizione”. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo nel corso di un incontro con Assolombarda,…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salute, nel 2017 casi di morbillo in Europa in crescita del 400% su base annua

In Europa, nel 2017, 35 persone sono state uccise dal morbillo. Ben 21.315 se ne sono ammalate, in crescita del 400% rispetto al 2016, quando…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia