Il valore dell’export legato all’e-commerce | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il valore dell’export legato all’e-commerce

ecommerceSi parla spesso del notevole contributo che lo sviluppo del digitale potrebbe avere sull’economia italiana (secondo Accenture una crescita aggiuntiva del Pil del 4,2% entro il 2020), soprattutto grazie a canali come l’e-commerce. Eppure, stando all’indice Desi, che calcola la digitalizzazione dell’economia e delle società, l’Italia è ancora molto indietro rispetto al resto d’Europa.
Non a caso il valore dell’export attraverso canali digitali vale ancora solo il 4% del totale, circa sei miliardi di euro. Un dato che non deve stupire, visto che solo il 10% delle nostre imprese – secondo l’Eurostat – vende online.
Stando all’Osservatorio sull’Export del Politecnico di Milano – in cui analizza il ruolo che le nuove tecnologie possono giocare nel favorire e incrementare le esportazioni delle imprese italiane – la maggior parte del fatturato derivante dall’export online è legato ai grandi portali per la vendita al dettaglio e ai marketplace in stile eBay, ma anche ai siti dedicati alla vendita privata.
In particolare la vendita considerata “indiretta”, ovvero tramite siti come Amazon.com, eBay.com o Zalando, che acquisiscono prodotti in Italia per venderli all’estero, vale circa 4,5 miliardi di euro. Quella diretta invece – ovvero quella che avviene attraverso i siti dei produttori stessi o attraverso i siti di retailer online o multi canale o mediante marketplace con domini italiani, come eBay.it – vale circa 1,5 miliardi di euro.
Analizzando i comparti del Made in Italy, il fashion risulta quello con la quota maggior sul totale dei prodotti venduti all’estero, con oltre il 65%. Seguono, a distanza, il Food ed il Design con una quota di circa il 15% a testa. I principali mercati di sbocco sono l’Europa, Stati Uniti, la Russia e Giappone, mentre ancora poche vendite online vengono fatte verso la Cina e verso il Sud America.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia