Lo “skills mismatch” frena gli under 30 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lo “skills mismatch” frena gli under 30

di Mirko Spadoni

giovani_lavoro_disoccupazioneUno degli ultimi rapporti redatti dalla Commissione europea sostiene che l’Italia presenta uno dei tassi di “skills mismatch” – ovvero la mancata corrispondenza tra le abilità di un lavoratore e quelle richieste dal mercato del lavoro – più alti tra tutti i Paesi dell’Unione europea, al pari di Belgio ed Irlanda.
Ma quanto rilevato dalla Commissione europea non è propriamente una novità: in Italia i datori di lavoro hanno lamentato spesso l’assenza di candidati ideali a cui affidare un impiego. Una ricerca McKinsey (Studio ergo Lavoro. Come facilitare la transizione scuola-lavoro per ridurre in modo strutturale la disoccupazione giovanile in Italia) rileva che solo il 42% delle imprese italiane ritiene che i giovani, che entrano per la prima volta nel mondo del lavoro, siano in possesso di una preparazione adeguata.
Trovare il candidato ideale diventa così estremamente complicato: sempre secondo McKinsey, nel 2012 le imprese hanno avuto difficoltà a reperire candidati (sia in termini di quantità che in termini di profili e competenze adeguate) per il 16% delle posizioni ricercate, corrispondenti a circa 65 mila posti di lavoro.
Dunque le statistiche dimostrano uno scollamento sostanziale tra le conoscenze in possesso ai giovani italiani e le esigenze del mondo imprenditoriale, che denuncia tanto un deficit di competenze generali quanto la mancanza di esperienza pratica.
Inoltre, secondo una rilevazione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l’Italia è tra i pochi Paesi a presentare una quota elevata sia di lavoratori under 30 sotto-qualificati (under-skilled) che sovra-qualificati (over-skilled): nel primo caso, il nostro Paese occupa la seconda posizione nell’area OCSE, mentre nel secondo caso occupa la settima.
Ma l’utilizzo di lavoratori sovra-qualificati in impieghi, che in realtà richiedono competenze inferiori, si ripercuote inevitabilmente sulla produttività del lavoratore stesso e del salario percepito: secondo uno studio – L’overeducation in Italia: le determinanti e gli effetti salariali nei dati AlmaLaurea – un overskilled-overeducated guadagna fra il 15 e il 25% in meno rispetto alla media dei laureati, proprio perché svolge un impiego che non richiede l’utilizzo delle competenze acquisite nel percorso di studi.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Pil al Nord in crescita dell’1,8%. Al sud dell’1,4%»

«Le stime preliminari indicano che nel 2017 il Prodotto interno lordo, a valori concatenati, ha registrato una crescita superiore alla media nazionale nel Nord-ovest e…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, scontri in villaggi: 86 le vittime

Gli scontri avvenuti in vari villaggi della Nigeria, tra agricoltori e pastori, ha provocato la morte di 86 persone. Il presidente Muhammadu Buhari ha lanciato…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Ifo in calo a 101,8 punti a giugno

Cala la fiducia delle imprese tedesche nel mese di giugno. Infatti, il dato è sceso a 101,8 punti dai 102,3 di maggio. Si tratta del…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, ennesimo trionfo per Erdogan

Recep Tayyip Erdogan ha vinto nuovamente le elezioni in Turchia. Il presidente uscente ha ottenuto il 52,5% dei voti. «La competizione non è stata equa,…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia