Il Quantitative easing sta funzionando? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Quantitative easing sta funzionando?

bce_unione_bancariaAd un anno dall’avvio agli acquisti di titoli di stato previsti dal Quantitative easing – la mossa varata dalla Bce con l’intento di contrastare la deflazione e ridare slancio all’economia dell’Eurozona – gli effetti sperati tardano ad arrivare.
Secondo un’analisi della Cgia di Mestre, realizzata su dati della Banca centrale europea e dell’Eurostat, la crescita dei prezzi al consumo è ben lontana dall’obiettivo del 2% voluto dalle Istituzioni europee. Non solo, anche l’allentamento del credit crunch tarda a farsi vedere.
I dati mostrano infatti, per il 2015, un aumento dell’inflazione dell’area della moneta unica di appena 0,1 punti percentuali, mentre i prestiti alle società non finanziarie sono scesi nel corso dell’anno dello 0,7%.
Analizzando i singoli Paesi si può notare come in Italia, dove fino ad oggi la Bce ha acquistato oltre 87 miliardi di titoli di Stato (il 16% del totale), l’inflazione è salita solo dello 0,2% mentre i prestiti alle società finanziarie sono diminuiti del 2,3%.
Ma quello italiano non è un caso isolato: anche in Francia e Germania, i due Paesi dove l’acquisto di titoli di Stato è risultato più consistente (rispettivamente 128 miliardi, il 23,4% del totale degli acquisti, e 101 miliardi, 18,6%), l’inflazione si mantiene a livelli piuttosto bassi, più precisamente al +0,2% e al +0,1%. Al contrario dell’Italia, però, Parigi e Berlino hanno visto crescere, nel corso del 2015, i prestiti alle società non finanziarie del 5,4% e dell’1,5%.
Ci sono poi alcuni Paesi, come la Spagna (che presenta la quarta quota di acquisti più consistente nell’Eurozona, con 62 miliardi e l’11,5% degli acquisti totali), in piena deflazione. Il Paese iberico, nel 2015, ha infatti visto scendere i prezzi al consumo dello 0,5% riportando, inoltre, un calo dei prestiti del 4,6%. Stessa cosa è successa alla Finlandia (dove i prezzi al consumo si sono attestati al -0,1%), in Slovacchia (-0,4%), Slovenia (-0,8%), Lituania (-0,5%) e Cipro (con la variazione negativa più consistente, -1,6%). Dalle tabelle si nota inoltre che nessun Paese ha riportato una variazione positiva superiore al punto percentuale, la crescita dei prezzi più elevata è stata registrata in Austria, con un+0,9%.
Tra i Paesi che hanno registrato nuovamente contrazioni dei prestiti alle società non finanziarie troviamo poi (oltre all’Italia e alla Spagna) i Paesi Bassi (-8,1%), il Portogallo (-5%), l’Irlanda (-22,4%), la Slovenia (-10,9%), la Lettonia (-2,6%), Malta (-4,7%) e Cipro (-0,9%).

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, ad ottobre inflazione in crescita al 2,2%

Ad ottobre 2018, l’inflazione nell’Eurozona è cresciuta al 2,2%, in aumento dello 0,1% rispetto a settembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, confermando,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Settimana prossima sentirò Jean-Claude Juncker»

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parlerà con il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, «a inizio della settimana» prossima» per concordare il loro prossimo…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Draghi si è impegnato per l’Italia, gli italiani e i loro risparmi»

Il presidente della Banca centrale europea Mario «Draghi si è impegnato per l’Italia, gli italiani e i loro risparmi». Lo ha detto il ministro dell’Interno…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Fatturato industria settembre stabile su base mensile e in crescita dello 0,6% su base annua»

«A settembre si stima che il fatturato dell’industria rimanga stabile in termini congiunturali; nella media degli ultimi tre mesi, l’indice complessivo cresce dello 0,2% sui…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia