Mercato del lavoro: sono le donne le più svantaggiate | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato del lavoro: sono le donne le più svantaggiate

donna_carriera_salarioDagli ultimi dati Istat sul mercato del lavoro, con particolare riferimento al quarto trimestre 2015, emerge un quadro poco lusinghiero per le donne, a fronte tuttavia dei numeri che in generale mostrano un miglioramento del trend occupazionale. Soprattutto in materia di divari di genere e inattività.
Infatti, spiega a tale proposito l’Istat, i divari di genere aumentano in modo significativo a vantaggio degli uomini. In altre parole la crescita dell’occupazione ha riguarda sostanzialmente gli uomini (+177 mila unità) e l’aumento del tasso di occupazione, nella componente, maschile è oltre tre volte quello femminile (+1,1% e +0,3%).
Tra le donne, però, diminuisce la disoccupazione. Ma non sempre è un fatto positivo. Un problema, in questo senso, è riuscire a coniugare vita familiare e vita lavorativa. Questo perché la riduzione della disoccupazione delle donne, si associa all’aumento dell’inattività femminile nella componente più distante dal mercato del lavoro, che nella maggior parte dei casi è rappresentata da mamme con figli piccoli. Al contrario, tra gli uomini, l’inattività continua a diminuire.
La stima degli inattivi di 15-64 anni, infatti, è tornata ad aumentare dopo sette trimestri di calo ininterrotto, ma il contributo principale arriva dalla componente femminile. Nel quarto trimestre 2015 l’aumento delle donne inattive è di 143 mila unità, mentre gli uomini hanno registrato un calo di 107 mila. Dunque anche l’incremento del tasso di inattività è dovuto specialmente alla componente femminile (con un picco nel Mezzogiorno al 60,8%), mentre l’indicatore continua a diminuire per gli uomini. La crescita dell’inattività – precisa l’Istat al riguardo – interessa coloro che non cercano lavoro e non sono disponibili a lavorare (+130 mila).
Ad ogni modo, a proposito ancora di inattività, diminuiscono per la terza volta consecutiva gli scoraggiati (-36 mila in un anno), che rappresentano il 13,4% degli inattivi di 15-64 anni (il 13,7% nel quarto trimestre 2014). Tra gli scoraggiati ci sono coloro che ritengono di non riuscire a trovare lavoro e la riduzione riguarda le donne e sul territorio si concentra nelle regioni centrali.
Aumentano, tuttavia, gli inattivi per motivi di studio (+37 mila) e per motivi familiari (+27 mila) e si riduce il numero delle persone ritirate dal lavoro o non interessate a lavorare (-45 mila) che coinvolge soltanto gli uomini e i 55-64enni.
Il titolo di studio ha il suo peso, in effetti. Il livello degli occupati è più alto tra quanti hanno una laurea (77%), mentre diminuisce per i diplomati (62,9%) e chi ha al massimo la licenza media (42,5%). Una dinamica simile è quella relativa al tasso di disoccupazione, che è più alto tra coloro che hanno un titolo di studio più basso. L’aumento del tasso di inattività, invece, riguarda tutti i livelli di istruzione.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia