Spesa per consumi in calo di 856 euro sul 2007 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Spesa per consumi in calo di 856 euro sul 2007

spesa-carrelloIl perdurare della crisi economica ha portato ad una vera e propria revisione della spesa per gli italiani. Settori come l’abbigliamento, i beni e servizi per la casa e l’alimentare di pregio (come la carne e il pesce) ma anche l’istruzione e il turismo hanno infatti registrato variazioni negative.
In generale, stima l’Ufficio economico di Confesercenti (elaborando dati dell’Istat), tra il 2007 ed il 2015 la spesa media annuale delle famiglie italiane è diminuita di 856 euro, passando da 23.737 euro a 22.882 euro. Una causa al taglio dei consumi è da ricercare anche in un aumento delle spese fisse, come quelle legate alla casa (acqua, all’elettricità e ai combustibili per il riscaldamento) – aumentate di 536 euro – o quelle sanitarie e per la salute – aumentate di 142 euro – .
Osservando da più vicino i dati si può notare come negli anni della crisi il settore dell’alimentare e delle bevande abbia registrato una contrazione di 91 euro, passando quindi da 5.595 euro a 5.504. Più sostenuta la contrazione per i prodotti non alimentari passati da una spesa media annua di 18.142 euro a 17.377 euro (-765 euro).
Guardando ancora più nel dettaglio il food si osserva che – come anticipato -, mentre prodotti come la frutta e gli ortaggi (da 1002 a 1166, +164 euro) e lo zucchero, le confetture, il miele, il cioccolato e i dolciumi (da 397 a 489, +92 euro) hanno visto crescere la spesa, altri – come il pane e i cereali (da 952 a 833, -69 euro), le carni (da 1.265 a 1.165, 100euro), il pesce e i prodotti ittici (da 501 a 427, -74 euro), il latte, i formaggi e le uova (da 755 a 707 euro, -48 euro); gli oli e i grassi e le bevande (da 211 a 161, -50 euro) – hanno riportato forti contrazioni.
Nel no food si sono invece registrate crescite – oltre alle spese fisse per l’abitazione e per sanità e salute, che abbiamo già visto – per le comunicazioni (da 607 a 756, +149 euro), per i servizi ricreativi, gli spettacoli e la cultura (da 1.307 a 1.492, +185) e per i beni e i servizi per la cura della persona, l’assistenza sociale e le assicurazioni (da 1.528 a 2.473, +945 euro). Al contrario si è registrata una contrazione della spesa media annua per i servizi ricettivi e la ristorazione (da 1.648 a 1.336, – 312 euro), per l’istruzione (da 304 a 173, -131 euro), per i trasporti (da 4.388 a 3.098, – 1290 euro), mobili, articoli e servizi per la casa (da 1.705 a 1.230, -475), abbigliamento e calzature (da 1.874 a 1.362, -512 euro). Per i tabacchi la spesa media è rimasta sostanzialmente stabile.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia