Dopo le mosse della Bce: quali decisioni prenderà ora la Fed? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dopo le mosse della Bce: quali decisioni prenderà ora la Fed?

janet_yellenDopo le mosse della Banca centrale europea che la scorsa settimana ha tagliato tutti i tassi ed esteso il programma di acquisto dei titoli di Stato – misure che l’istituto di Francoforte ritiene necessarie per stimolare l’economia – gli occhi sono ora puntati sulle strategie della Fed, la banca centrale statunitense.
Quali provvedimenti, dunque, prenderà la Fed in risposta alla Bce nella riunione delle prossime ore? L’economia statunitense continua a mostrare segnali incoraggianti, eppure in molti – tra osservatori e analisti – concordano che la Fed possa decidere di lasciare al momento i tassi invariati. Anzi, già alcune settimane fa, in vista delle future mosse della Bce, si ipotizzava un allentamento del processo di normalizzazione della politica monetaria a causa della carenza di domanda e del rallentamento dell’economia globale (un ulteriore rialzo potrebbe avvenire, verosimilmente, nei prossimi mesi).
Nel quarto trimestre del 2015 gli Stati Uniti hanno registrato una crescita del Pil dell’1%, al di sopra delle stime preliminari. Le spese per consumi privati sono aumentate del 2% (ma a febbraio è scesa la fiducia dei consumatori) e anche l’inflazione ha fatto segnare un miglioramento. Stando agli ultimi documenti della Fed, la crescita si è consolidata anche ad inizio 2016 e il mercato del lavoro si mostra vivace, dopo i progressi rilevati nel 2015.
Insomma, le condizioni economiche statunitensi, sostanzialmente positive, dovrebbero far pensare ad un percorso inverso. Tuttavia, proprio le intenzioni della Bce, potrebbero frenare tale entusiasmo. Francoforte, infatti, mira a stimolare domanda e consumi: un euro più debole può favorire le esportazioni e contrastare la deflazione, rilanciando attività economica e investimenti. In quest’ottica un apprezzamento del dollaro potrebbe non giovare all’economia statunitense. La presidente della Fed, Janet Yellen, non ha mai nascosto di osservare con preoccupazione le prospettive economiche globali.
Nell’Eurozona, in questa fase, lo scopo principale è proprio scongiurare il pericolo deflazione. Poiché la Bce teme che i livelli dell’inflazione (il target è fissato su valori prossimi al 2%) restino bassi ancora a lungo, l’intenzione è ora quella di aumentare la liquidità in circolazione evitando circoli viziosi (consumi in contrazione, minori ricavi per le imprese, investimenti fermi al palo, disoccupazione). La Fed, invece, ha rialzato i tassi di interesse dello 0,25% a dicembre dello scorso anno, cosa che non accadeva dal 2006.

 

Scrivi una replica

News

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 137 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 137 punti.…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia