Il recupero dell’industria nell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il recupero dell’industria nell’Eurozona

produzione_industrialeIl recupero dell’industria prosegue tra alti e bassi a causa – soprattutto nelle ultime settimane – del rallentamento delle economie emergenti e del commercio mondiale. Tuttavia, se per febbraio le stime anticipano in alcuni casi un trend al ribasso, l’inizio del 2016 ha mostrato uno sprint notevole rispetto alla chiusura del 2015.
I dati sulla produzione industriale dell’Eurozona, infatti, evidenziano a gennaio una crescita del 2,1% su dicembre e del 2,8% su base annua. Una spinta che conferma le buone performance osservate già nei giorni scorsi.
Su tutte quella della Germania, che dopo il calo di dicembre ha registrato a gennaio un balzo della produzione industriale del 3,3% su base mensile (l’aumento più consistente dal settembre 2009). Risultato analogo in Francia, dove l’indicatore è aumentato dell’1,3% da dicembre a gennaio, superando le attese (anche in questo caso si tratta di un valore massimo, da dicembre 2011).
Il recupero dell’industria di inizio anno ha riguardato anche Spagna, la cui produzione industriale è cresciuta del 3,5% su anno nel mese di gennaio (sebbene poco sotto le previsioni che indicavano un aumento del 3,7%) e Olanda che a gennaio ha visto un miglioramento del 2,8% contro il 2,1% di dicembre.
Anche la produzione industriale dell’Italia, secondo le rilevazioni Istat di qualche giorno fa, ha registrato un balzo in avanti (+1,9% su dicembre e +3,9% su base annua), eppure per Confindustria è prevista una flessione a febbraio dell’1% su gennaio, confermando però una variazione positiva trimestrale (+0,6%). E a livello di Eurozona l’indice Pmi manifatturiero è risultato a febbraio in discesa rispetto a gennaio, mostrando così un lieve rallentamento.
Tornando al caso della Germania, prima economia d’Europa, gli ordinativi nello stesso periodo sono diminuiti dello 0,1%. Le preoccupazioni sembrano comprendere l’andamento dell’export, in particolare verso la Cina. L’economia cinese sta attraversando una fase di transizione e di flessione, condizionando i mercati vicini. La produzione industriale – un indicatore importante per “misurare” lo stato di salute di un’economia – ha registrato nel periodo gennaio-febbraio un aumento del 5,4% su base annua, la crescita più bassa dal novembre 2008.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Pil al Nord in crescita dell’1,8%. Al sud dell’1,4%»

«Le stime preliminari indicano che nel 2017 il Prodotto interno lordo, a valori concatenati, ha registrato una crescita superiore alla media nazionale nel Nord-ovest e…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, scontri in villaggi: 86 le vittime

Gli scontri avvenuti in vari villaggi della Nigeria, tra agricoltori e pastori, ha provocato la morte di 86 persone. Il presidente Muhammadu Buhari ha lanciato…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Ifo in calo a 101,8 punti a giugno

Cala la fiducia delle imprese tedesche nel mese di giugno. Infatti, il dato è sceso a 101,8 punti dai 102,3 di maggio. Si tratta del…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, ennesimo trionfo per Erdogan

Recep Tayyip Erdogan ha vinto nuovamente le elezioni in Turchia. Il presidente uscente ha ottenuto il 52,5% dei voti. «La competizione non è stata equa,…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia