I lavoratori sovra-qualificati in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I lavoratori sovra-qualificati in Italia

impresa manifatturieraDiversi studi hanno certificato che l’economia italiana è caratterizzata da una presenza consistente di lavoratori impiegati in occupazioni che richiedono competenze inferiori a quelle possedute. Si tratta di un problema di cui tener conto, in quanto incide negativamente sulla produttività e il salario del lavoratore, e che non riguarda solo il nostro Paese.
Stando a un’analisi della Camera di commercio di Milano, elaborata su dati relativi al 2012, in Italia il 15% degli occupati lavora al di sotto delle proprie competenze (circa 3,2 milioni sui 22 milioni di lavoratori impiegati complessivamente nel nostro Paese).
Molto dipende anche dall’età del lavoratore: lo studio osserva che il fenomeno coinvolge maggiormente le persone d’età compresa tra i 25 e i 34 anni (21,5%), mentre tende a ridursi con il crescere dell’età (tra gli occupati over 55, la quota dei lavoratori sovra-qualificati scende all’8%).
Difficile sorprendersi, però. In passato anche il Survey of Adult Skills, uno studio condotto dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE) in 33 Paesi, aveva certificato le difficoltà dell’Italia nel far incontrare le competenze e le offerte di lavoro.
Tra le economie dell’area OCSE, quella italiana presenta una quota molto alta di lavoratori under-skilled (terza posizione) e di quelli over-skilled (settima posizione).
In realtà far combaciare le competenze e le offerte di lavoro è un problema comune a diversi Paesi europei, in particolare negli ultimi anni: secondo un rapporto dell’Organizzazione internazionale del Lavoro (Skills mismatch in Europe), tra il 2002 e il 2012 il numero dei lavoratori sovra-qualificati è cresciuto nella maggior parte delle economie europee, con conseguenze inevitabilmente negative.
L’impiego di lavoratori sovra-qualificati in occupazioni, che richiedono competenze inferiori a quelle possedute, incide sulla produttività del lavoratore stesso e del salario percepito: secondo uno studio (L’overeducation in Italia: le determinanti e gli effetti salariali nei dati AlmaLaurea), un overskilled-overeducated guadagna fra il 15 e il 25% in meno rispetto alla media dei laureati, proprio perché svolge un impiego che non richiede l’utilizzo delle competenze acquisite nel percorso di studi.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia