I fattori che hanno frenato l’export | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che hanno frenato l’export

containerIl calo delle esportazioni italiane – a gennaio, quelle nell’area extra-UE sono diminuite su base congiunturale in tutti i comparti – è iniziato negli ultimi mesi dello scorso anno. Le sanzioni verso la Russia e il crollo delle importazioni cinesi hanno inciso molto sull’andamento dell’export che ha subìto gli effetti anche di altri fattori.
Nella sua Mappa dei Rischi 2016 il SACE, società assicurativo finanziaria del gruppo Cassa depositi e prestiti, sostiene che diversi fattori – i bassi prezzi delle materie prime, l’aumento del debito dei Paesi emergenti e il terrorismo internazionale – si sono ripercossi soprattutto sui mercati emergenti, influenzando negativamente le esportazioni italiane e causando la perdita di oltre cinque miliardi di euro nel 2015.
Ma il SACE si dice ottimista per il futuro. Scommettendo su alcuni mercati a elevato potenziale – il rapporto ne elenca quindici: Algeria, Cile, Cina, Emirati Arabi Uniti, Filippine, India, Iran, Kenya, Malaysia, Marocco, Messico, Perù, Polonia, Spagna e Turchia –, entro il 2019 le imprese italiane potrebbero esportare prodotti per 31 miliardi di euro.
Secondo il SACE, infatti, esiste un ampio insieme di Paesi che presentano rilevanti opportunità e profili di rischio certamente non trascurabili, ma che possono essere affrontati con successo grazie a informazioni più accurate, coperture specifiche e un approccio strategico.
In particolare, quello iraniano è un mercato decisamente promettente – l’Iran conta 85 milioni di abitanti, di cui due terzi hanno meno di 35 anni d’età –, con un’economia destinata a crescere nell’immediato futuro: la Banca mondiale prevede un aumento del Prodotto interno lordo (PIL) fino al 6% per quest’anno.
Con la revoca delle sanzioni internazionali, avvenuta a metà gennaio, le imprese italiane sono tornate ad esportarvi le proprie merci: secondo il SACE, le esportazioni dal nostro Paese verso la Repubblica islamica potrebbero superare i tre miliardi di euro tra il 2015 e il 2018.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Macron: “Il passaggio alla fase 2 del negoziato è nelle mani della May”

“Il passaggio alla fase 2 del negoziato sulla Brexit è nella mani di Theresa May. Sul fronte finanziario non siamo neanche a metà del cammino…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Raqqa dichirata ufficialmente libera dalle forze filo-Usa

Le forze filo-Usa hanno dichiarato Raqqa ufficialmente libera. La città era “capitale” dello Stato islamico ed è stato ufficialmente dichiarato libera da ogni presenza di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalogna, accordo Pp-Pse per elezioni a gennaio in caso di commisariamento con art. 155

Se la regione ribelle sarà commissariata con l’art. 155 della costituzione, il premier spagnolo Mariano Rajpy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno deciso di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Possibili misure su web tax in manovra”

“Nella cena di ieri i leader Ue hanno discusso a lungo di web tax, ma voglio sia chiaro che i tempi Ue, così come quelli…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia