I fattori che hanno frenato l’export | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che hanno frenato l’export

containerIl calo delle esportazioni italiane – a gennaio, quelle nell’area extra-UE sono diminuite su base congiunturale in tutti i comparti – è iniziato negli ultimi mesi dello scorso anno. Le sanzioni verso la Russia e il crollo delle importazioni cinesi hanno inciso molto sull’andamento dell’export che ha subìto gli effetti anche di altri fattori.
Nella sua Mappa dei Rischi 2016 il SACE, società assicurativo finanziaria del gruppo Cassa depositi e prestiti, sostiene che diversi fattori – i bassi prezzi delle materie prime, l’aumento del debito dei Paesi emergenti e il terrorismo internazionale – si sono ripercossi soprattutto sui mercati emergenti, influenzando negativamente le esportazioni italiane e causando la perdita di oltre cinque miliardi di euro nel 2015.
Ma il SACE si dice ottimista per il futuro. Scommettendo su alcuni mercati a elevato potenziale – il rapporto ne elenca quindici: Algeria, Cile, Cina, Emirati Arabi Uniti, Filippine, India, Iran, Kenya, Malaysia, Marocco, Messico, Perù, Polonia, Spagna e Turchia –, entro il 2019 le imprese italiane potrebbero esportare prodotti per 31 miliardi di euro.
Secondo il SACE, infatti, esiste un ampio insieme di Paesi che presentano rilevanti opportunità e profili di rischio certamente non trascurabili, ma che possono essere affrontati con successo grazie a informazioni più accurate, coperture specifiche e un approccio strategico.
In particolare, quello iraniano è un mercato decisamente promettente – l’Iran conta 85 milioni di abitanti, di cui due terzi hanno meno di 35 anni d’età –, con un’economia destinata a crescere nell’immediato futuro: la Banca mondiale prevede un aumento del Prodotto interno lordo (PIL) fino al 6% per quest’anno.
Con la revoca delle sanzioni internazionali, avvenuta a metà gennaio, le imprese italiane sono tornate ad esportarvi le proprie merci: secondo il SACE, le esportazioni dal nostro Paese verso la Repubblica islamica potrebbero superare i tre miliardi di euro tra il 2015 e il 2018.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia