Gli investimenti pubblici nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli investimenti pubblici nell’Ue

euro_pilLa Banca centrale europea osserva che, nel confronto con il periodo precedente alla crisi economica, i Paesi dell’Unione europea hanno tagliato la spesa destinata agli investimenti pubblici con intensità diverse. Secondo la BCE, i cali degli investimenti pubblici rispetto al Prodotto interno lordo (PIL) più consistenti sono stati registrati negli Stati membri che dovevano consolidare il proprio bilancio. Particolarmente significativi sono stati i tagli decisi dai Paesi con alti livelli iniziali di investimenti pubblici e da quelli esposti alle pressioni dei mercati internazionali (Cipro, Croazia, Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna).
Ma non tutti i Paesi dell’Unione europea hanno ridotto gli investimenti pubblici. Anzi. In alcuni casi, sono rimasti pressoché invariati – il discorso vale per i Paesi (Austria, Belgio e Germania) dove gli investimenti pubblici erano generalmente bassi nel periodo pre-crisi – e in altri sono addirittura aumentati, come avvenuto negli Stati dell’Europa centro-orientale (Bulgaria, Lettonia, Polonia e Romania) che si sono serviti dell’incremento dei fondi di coesione europei.
Secondo un’analisi del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata su elaborazione dei dati Eurostat, dal 2009 in poi gli investimenti pubblici sono diminuiti tanto nell’Unione europea – nel 2014 sono stati investiti 47,7 miliardi in meno rispetto ai 454,9 miliardi del 2009 – quanto nella zona euro, dove il calo è stato più evidente (gli investimenti pubblici dei Paesi dell’area euro sono passati dai 337,7 miliardi del 2009 ai 275,3 miliardi del 2014) con l’Italia che rientra nell’elenco dei Paesi che hanno introdotto i tagli maggiori. Tra il 2009 e il 2014 la spesa pubblica per investimenti del nostro Paese è diminuita di circa 15,9 miliardi, passando dai 54,2 miliardi del 2009 ai 35,6 miliardi del 2014 (-34,1%). Nella zona euro solo Spagna, Cipro e Portogallo hanno ridotto gli investimenti pubblici in modo più consistente.
Eppure recenti studi del Fondo monetario internazionale (The Macroeconomic Effects of Pubblic Investment: Evidence from Advanced Economies) e della Banca mondiale (The Power of Pubblic Investment Management – Trasforming Resources into Assets for Growth) che l’impatto degli investimenti pubblici sul PIL è positivo e aumenta in funzione della loro qualità ed efficienza, senza gravare eccessivamente sui conti pubblici. Secondo l’FMI, un incremento degli investimenti garantirebbe anche una riduzione del rapporto debito/PIL, grazie alla maggiore crescita economica generata dagli investimenti stessi.

 

Scrivi una replica

News

Istat: “Calano le partecipate Pa ma impiegati aumentano del 4,3%”

“Nel 2015 le unità economiche partecipate dal settore pubblico sono 9.655 ed impiegano 882.012 addetti. Rispetto al 2014 sono meno numerose (-2,1%) ma con più…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, 859 arresti per terrorismo nell’ultima settimana

Sono stati 859 gli arresti con accuse di “terrorismo” nell’ultima settimana in Turchia. È quanto emerge nel bollettino del ministero degli Interni. La maggior parte…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Argentina, Macri vince le elezioni

Le elezioni legislativi parziali in Argentina hanno visto trionfare Mauricio Macri, che supera l’ex presidente Cristina Kirchner. Il “macrismo” si è imposto in 14 distretti…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Abe: “Mi occuperò della Corea del Nord”

“Come avevo promesso durante la campagna elettorale, il mio compito è di occuparmi fortemente della Corea del Nord, e per questo c’è bisogno di una…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia