Gli attentati di Bruxelles raccontati su Twitter | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli attentati di Bruxelles raccontati su Twitter

di Umberto Schiavella

charles_michel_twitterProprio come era successo per l’attacco a Charlie Hebdo e per quelli del 13 novembre a Parigi, sono spuntati subito dopo le prime notizie relative all’attentato di Bruxelles gli hashtag che hanno accompagnato il susseguirsi della cronaca su quanto stava avvenendo in Belgio. Polemiche e critiche diffuse attraverso Twitter, ma anche e soprattutto per testimoniare la vicinanza alla Capitale d’Europa sotto attacco.
Ancora una volta, quindi, i social network, e in particolare Twitter, si sono rivelati essere uno strumento importante di comunicazione istantanea a supporto di situazioni di emergenza. Le autorità belghe hanno strettamente consigliato di usarli insieme alle chat, per comunicare con i propri cari e lo stesso Alexander De Croo, vicepremier del Belgio, ha personalmente annunciato dal suo profilo che le linee telefoniche erano andate in tilt consigliando di usare i servizi online di messaggistica e suggerendo poi ai cittadini di lasciare i propri wi-fi aperti per consentire a tutti di comunicare più agevolmente.
#Brussels, #PrayForBelgium e #JeSuisBruxelles sono stati gli hashtag più usati dagli utenti sparsi per il mondo e con i quali è stato possibile seguire le vicende mentre si verificavano. Altri hashtag sono stati #IkWillHelpen (voglio dare una mano), #PorteOuverte e #OpenHouse, iniziative che ricordano quanto era già successo lo scorso novembre in Francia dove i cittadini offrivano riparo nelle proprie case alle persone scampate agli attentati e rimaste bloccate in strada lontane dalle loro abitazioni. Anche Periscope, l’app di Twitter con la quale è possibile trasmettere “live” in video, ha svolto un ruolo importante nel flusso delle informazioni: testimoni oculari che attraverso l’uso di filmati girati in tempo reale raccontavano quanto avveniva davanti ai loro occhi.
Altro hashtag molto diffuso è stato #brusselslockdown usato dagli utenti su “richiesta” delle autorità che hanno ricordato ai cittadini e alla stampa di non postare informazioni relative a perquisizioni, posti di blocco e operazioni di polizia come era già avvenuto in passato per i raid anti-terrorismo.
Ma nelle ore seguenti l’attentato un ulteriore hashtag si è diffuso a macchia d’olio scalzando i trending topic di Twitter fino ad allora usati: #StopIslam. Pare che questo argomento sia nato originariamente per affermare l’opposto di quello che sembra, ossia “basta incolpare l’Islam”, ma in molti ne hanno confuso il senso credendo che dietro a questo hashtag ci sia la volontà di denigrare la fede religiosa. Come spiega l’Huffington Post, la prima ad usare questo hashtag è @LadyKing che dal suo profilo scrive: “Ci risiamo, ancora una volta veniamo incolpati per un gruppo di patetiche persone disumane che dicono di essere musulmani. Basta. #StopIslam”, intendendo dire “basta incolpare l’Islam”. In realtà #StopIslam è diventato trending topic proprio perché migliaia di persone, soprattutto musulmane, hanno iniziato a criticarlo nei loro tweet. A poche ore dall’attentato sono state ben cinque milioni le visualizzazioni relative a #StopIslam da parte di circa tre milioni di utenti unici.

 

Scrivi una replica

News

Roma, Raggi: “Archiviato il caso Romeo. Su di me solo fango”

“Infondatezza della notizia di reato. Con queste parole il Tribunale di Roma ha cancellato più di un anno di schizzi di fango, ricostruzioni fantasiose e…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fca, a Marchionne 9,6 milioni di euro nel 2017

Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca, ha percepito un compenso di 9.676.303 di euro ne 2017. Il compenso base è stato di 3,5 milioni mentre…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Berlusconi: “Il Pd è fuori dalla competizione”

“Il Partito democratico è fuori dalla competizione”. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo nel corso di un incontro con Assolombarda,…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salute, nel 2017 casi di morbillo in Europa in crescita del 400% su base annua

In Europa, nel 2017, 35 persone sono state uccise dal morbillo. Ben 21.315 se ne sono ammalate, in crescita del 400% rispetto al 2016, quando…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia