Il peso delle tasse locali sulle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso delle tasse locali sulle imprese

lavoro_imprese-1024x683Quanto certificato dalla UIL – l’aumento delle tasse locali a carico delle famiglie (IMU, TASI, TARI, addizionali IRPEF comunali e regionali) avvenuto tra il 2013 e il 2015 – fa il paio con l’incremento delle imposte locali pagate dalle imprese italiane evidenziato da una recente analisi di Confartigianato.
Secondo i dati raccolti da ITWorking elaborati da Confartigianato, nel 2014 i piccoli imprenditori hanno versato nelle casse dello Stato mediamente 11.164 euro per il pagamento dell’IRAP, delle addizionali IRPEF comunali e regionali, dell’IMU e della TASI.
Complessivamente le piccole imprese italiane – l’indagine considera un’azienda composta da due lavoratori indipendenti e tre dipendenti a tempo indeterminato con un immobile produttivo di proprietà – hanno pagato 70 miliardi di euro di tasse: il 29,5% in più rispetto ai 54,5 miliardi del 2011.
Il peso del fisco varia da regione a regione: lo studio sottolinea che in Campania, in Calabria e nel Lazio il prelievo fiscale supera abbondantemente i 12mila euro l’anno, oscillando tra i 12.547 euro campani e i 12.305 euro laziali. Mentre la Valle d’Aosta, la Sardegna e il Friuli-Venezia Giulia ‘offrono’ un trattamento fiscale “più conveniente”, chiedendo rispettivamente alle piccole imprese un esborso medio pari a 8.216, 9.467 e 9.648 euro l’anno.
Le tasse rappresentano così un impegno economico non indifferente per gli imprenditori italiani. Stando al rapporto Paying taxes 2015 della Banca mondiale e PwC relativo al 2014, il carico fiscale complessivo per le imprese – sintetizzato nell’indicatore total tax rate, che non rappresenta la pressione fiscale – è pari al 64,8% dei profitti commerciali: in miglioramento rispetto al 2013, ma comunque superiore alla media europea pari al 40,6%.
In occasione di un’indagine Confcommercio-Format Research, il 34,8% degli imprenditori italiani ha indicato nelle tasse una delle principali difficoltà da superare per chi vuole avviare un’impresa. Difficile sorprendersi, però. I rapporti diffusi periodicamente dalle principali organizzazioni internazionali ed italiane (Banca mondiale, Fondo monetario internazionale…) hanno sottolineato il peso eccessivo del fisco e della burocrazia nel nostro Paese.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, Salvini: «Lo Stato torna a fare lo Stato»

«Lo Stato torna a fare lo Stato, salveremo sempre le vite umane, ma chiederemo alle nostre navi di stare più vicine alle coste italiane». Così…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Di Maio: «Meno rinnovi per i contratti a tempo determinato»

«Ridurremo il numero dei rinnovi per i contratti a tempo determinato» e «allo studio c’è la reintroduzione delle causali». Lo ha detto il ministro del…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

E-commerce: Google pronta a investire oltre mezzo miliardo su JD.com

Google ha annunciato l’intenzione di investire 550 milioni di dollari sul colosso cinese dell’e-commerce JD.com.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dieselgate: la polizia ha fermato il Ceo di Audi Rupert Stadler

La polizia tedesca ha fermato il ceo di Audi Rupert Stadler perché indagato nell’inchiesta sullo scandalo Dieselgate. Secondo la Dpa lo avrebbero confermato fonti della…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia