Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda

di Fabio Germani

donald_trumpCon la vittoria in Arizona, Donald Trump e Hillary Clinton compiono un ulteriore passo verso le rispettive nomination per la corsa alla Casa Bianca. L’esito del voto in Arizona assume un’importanza cruciale. Sul fronte repubblicano ciò è ancora più vero, considerato il metodo di assegnazione dei delegati (quelli in palio spettano, di fatto, al vincitore), mentre Ted Cruz, fresco di endorsement di Jeb Bush, si è aggiudicato lo Utah. Tra i democratici, invece, Bernie Sanders ha avuto la meglio ai caucuses dello Utah e in Idaho. Questo il dato politico. Ovviamente la giornata di martedì 22 marzo – il “Super Tuesday del West” – è stata condizionata dagli attentati terroristici di Bruxelles. In qualche modo le reazioni rispetto a quanto accaduto dall’altra parte dell’oceano suggeriscono l’idea di politica estera che i candidati – dando per scontata, ormai, una sfida Trump-Clinton – potrebbero mettere sul piatto una volta eletti presidente. Anche perché, di norma, le proposte sono correlate alla legacy dell’amministrazione uscente (in quest’ottica anche il processo di normalizzazione nelle relazioni Usa-Cuba, culminato con il recente viaggio nell’isola caraibica, sarà una delle più complicate eredità in politica estera che Obama lascerà al suo successore).

Terrorists have once again struck at the heart of Europe, but their campaign of hate and fear will not succeed. The…

Pubblicato da Hillary Clinton su Martedì 22 marzo 2016

Hillary Clinton, già segretario di Stato durante l’amministrazione Obama, teorica dello smart power – una commistione di strumenti diplomatici, economici, militari, politici, culturali, con il coinvolgimento di diversi attori del settore pubblico e privato –, ha ribadito l’importanza dei valori democratici che nessuna forma di radicalismo potrà compromettere ai danni degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

My heart & prayers go out to all of the victims of the terrible #Brussels tragedy. This madness must be stopped, and I will stop it.

Pubblicato da Donald J. Trump su Martedì 22 marzo 2016

Incompetent Hillary, despite the horrible attack in Brussels today, wants borders to be weak and open-and let the Muslims flow in. No way!

Pubblicato da Donald J. Trump su Martedì 22 marzo 2016

Più duro il commento di Donald Trump: “Questa follia deve essere fermata, e io la fermerò”. Al tempo stesso, però, il tycoon di New York ha mostrato in questi mesi di campagna elettorale posizioni spesso ambigue e, talvolta, contraddittorie su alcuni specifici temi. L’ipotesi di chiudere le frontiere, inasprendo i controlli sui flussi in entrata (il riferimento, in questo caso, è alle persone musulmane), sconfesserebbe circa un secolo di politiche inclusive che hanno contribuito alla realizzazione del “sogno americano”. Una sorta di ritorno all’isolazionismo – idea emersa in diverse occasioni, l’ultima delle quali relativa al ruolo dell’America nella Nato – è quanto di più distante possa esserci dalle recenti “dottrine” in materia, nonostante l’atteggiamento prudente promosso dall’attuale amministrazione (fin troppo prudente, secondo gli avversari di Obama, Cruz in testa).

Our hearts break for the men and women of Brussels this morning. Make no mistake — these terror attacks are no isolated…

Pubblicato da Ted Cruz su Martedì 22 marzo 2016

Approcci diametralmente opposti che, possiamo supporre, potranno convincere l’elettorato sulla base della risposta che l’Europa saprà dare al terrorismo di matrice islamica e il sostegno che il vecchio continente otterrà dall’America (la visione di Obama, in questo senso, è nota: il radicalismo va estirpato, ma in questa fase l’Isis non rappresenta una minaccia concreta per gli Stati Uniti). Intanto il dipartimento di Stato guidato da John Kerry ha avvertito i cittadini statunitensi in viaggio per o attraverso l’Europa di possibili attacchi già pianificati, suggerendo di evitare raduni o luoghi turistici potenzialmente a rischio. Gli attacchi all’Europa irrompono, stavolta in maniera decisa, nella corsa alla Casa Bianca.

@fabiogermani

Le puntate precedenti:
Usa 2016. Trump, il nemico comune
Usa 2016. Il Michigan “rilancia” Bernie Sanders
Usa 2016. Clinton e Trump vincono il Super Tuesday
Usa 2016. Conferme e defezioni tra i repubblicani
Usa 2016. La rivincita degli outsider

 

6 Commenti per “Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda”

  1. […] puntate precedenti: Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda Usa 2016. Trump, il nemico comune Usa 2016. Clinton e Trump vincono il Super Tuesday Usa 2016. […]

  2. […] puntate precedenti: Usa 2016. Il Wisconsin tiene a galla Cruz e Sanders Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda Usa 2016. Trump, il nemico comune Usa 2016. Il Michigan “rilancia” Bernie Sanders Usa 2016. […]

  3. […] Usa 2016. New York premia Clinton e Trump Usa 2016. Il Wisconsin tiene a galla Cruz e Sanders Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda Usa 2016. Trump, il nemico comune Usa 2016. Il Michigan “rilancia” Bernie […]

  4. […] Usa 2016. New York premia Clinton e Trump Usa 2016. Il Wisconsin tiene a galla Cruz e Sanders Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda Usa 2016. Trump, il nemico […]

  5. […] Le puntate precedenti: Usa 2016. Cruz lascia, Trump stravince Usa 2016. Clinton e Trump a un passo dalla nomination Usa 2016. New York premia Clinton e Trump Usa 2016. Il Wisconsin tiene a galla Cruz e Sanders Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda […]

  6. […] Clinton e Trump (20/04/2016) Usa 2016. Il Wisconsin tiene a galla Cruz e Sanders (06/04/2016) Usa 2016. Gli attacchi all’Europa al centro dell’agenda (23/03/2016) Usa 2016. Trump, il nemico comune (16/03/2016) Usa 2016. Il Michigan “rilancia” […]

Scrivi una replica

News

Istat: “Calano le partecipate Pa ma impiegati aumentano del 4,3%”

“Nel 2015 le unità economiche partecipate dal settore pubblico sono 9.655 ed impiegano 882.012 addetti. Rispetto al 2014 sono meno numerose (-2,1%) ma con più…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, 859 arresti per terrorismo nell’ultima settimana

Sono stati 859 gli arresti con accuse di “terrorismo” nell’ultima settimana in Turchia. È quanto emerge nel bollettino del ministero degli Interni. La maggior parte…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Argentina, Macri vince le elezioni

Le elezioni legislativi parziali in Argentina hanno visto trionfare Mauricio Macri, che supera l’ex presidente Cristina Kirchner. Il “macrismo” si è imposto in 14 distretti…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Abe: “Mi occuperò della Corea del Nord”

“Come avevo promesso durante la campagna elettorale, il mio compito è di occuparmi fortemente della Corea del Nord, e per questo c’è bisogno di una…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia