Export agroalimentare in crescita nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export agroalimentare in crescita nel 2015

agricolturaNel 2015 le esportazioni sono cresciute del 3,7% (del 3,8% quelle vero i Paesi dell’Unione europea e del 3,6% quelle extra-Ue) in valore e dell’1,9% in volume. Un risultato reso possibile dalle vendite verso l’estero di tutti i settori e in particolar modo di quelle agroalimentari. In particolare, si può osservare nelle note dell’Istat, i prodotti dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca hanno registrato un progresso del 9,9%, quelli degli alimentari e delle bevande (e del tabacco) del 3,8%.
Secondo un recente rapporto della Cia – la Confederazione italiana degli agricoltori – nel 2015 la maggior parte delle esportazioni agroalimentari italiane sono legate alla produzione dell’area Nord-Est del Paese, con una quota del 40,2%. Seguono il Nord-Ovest, con il 25,4%; il Sud e le Isole, con il 22,5%; e, infine, il Centro con l’11,8%.
Per quanto riguarda l’agricoltura, la silvicoltura e la pesca, osservando le singole regioni, si nota come, per il Nord-Ovest, quella che ha riportato il maggiore incremento delle esportazioni sia stata la Liguria, con un +11,9%, mentre la peggiore il Piemonte con un +2,7%. Per il Nord-Est spicca la variazione tendenziale del Trentino (+13,9%), mentre la dinamica peggiore ha interessato l’Emilia Romagna, con il +4,9%.
Al Centro, le Marche riportano un +39% mettendo a segno la crescita maggiore, contrapponendosi al più esiguo +1,3% della Toscana, al Sud invece la variazione percentuale maggiore è stata messa a segno dalla Sardegna, con il 30,4%, mentre il Molise ha registrato un calo del 9,5%.
Per l’alimentare, invece, la regione del Nord Ovest che ha riportato le performance migliori è la Valle d’Aosta con un +10,2%, mentre la peggiore la Lombardia con appena un +0,3%. Il Veneto ha invece messo a segno il miglior risultato del Nord-Est, +12,1%, mentre il Trentino il peggiore, +4,9%.
Al Centro e al Sud sono, infine, spiccati i risultati di Toscana e Basilicata, +18,5% e +39%, mentre i più deludenti hanno interessato l’Umbria e il Molise, -1,3% e -17%.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia