Greenpeace: settore eolico perde 4 mila posti di lavoro nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Greenpeace: settore eolico perde 4 mila posti di lavoro nel 2015

Greenpeace ha pubblicato il rapporto Rinnovabili nel mirino relativo ai provvedimenti attuati dal governo Renzi a sfavore del fotovoltaico e dell’eolico. L’organizzazione non governativa dichiara che l’attuale governo è ostile alle fonti rinnovabili, un comportamento che ha fatto perdere circa 4 mila posti di lavoro nel 2015 solo nel settore eolico. Secondo i dati presentati da Greenpeace, nel 2012 erano 150 mila i nuovi impianti fotovoltaici entrati in esercizio, mentre nel 2014, anno di insediamento dell’attuale premier, i nuovi impianti entrati in funzione sono stati appena 722. Anche per l’occupazione nel settore delle energie rinnovabili le cose non vanno bene. Secondo lo studio redatto da Althesys, sempre per Greenpeace, in Italia si potrebbero garantire in questo settore oltre 100 mila posti di lavoro entro il 2030. Il rapporto cita anche il Fondo Monetario Internazionale secondo il quale l’Italia, nel 2014, si è classificata al nono posto in Europa per finanziamenti a combustibili fossili con 13,2 miliardi di dollari, dato in crescita rispetto ai 12,8 miliardi dell’anno precedente.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Export in calo dello 0,1% ad aprile»

«Ad aprile 2018 si stima un lieve aumento congiunturale sia per le esportazioni (+0,1%) sia per le importazioni (+0,7%). La lieve crescita congiunturale dell’export è…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Colombia, presidenziali al centrodestra: vince Duque

Le elezioni presidenziali in Colombia sono state vinte dal candidato di centrodestra Ivan Duque, che ha ottenuto il 54% dei voti. Il suo rivale Gustavo…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, sisma di magnitudo 6.1 a Osaka: tre morti e 100 feriti

un terremoto di magnitudo 6.1 ha fatto tremare il Giappone nell’area di Osaka. Il sisma ha provocato tre vittime e 100 feriti.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,91 dollari al barile e Brent a 72,9 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 63,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 72,9 dollari.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia