Istat: sale la fiducia delle famiglie nel mese di marzo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: sale la fiducia delle famiglie nel mese di marzo

“A marzo 2016 l’indice del clima di fiducia dei consumatori, espresso in base 2010=100, aumenta lievemente, passando a 115,0 da 114,5 del mese precedente; per quanto riguarda, invece, le imprese, l’indice composito del clima di fiducia (Iesi, Istat economic sentiment indicator), in base 2010=100, diminuisce a 100,1 da 103,2”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“Le stime riferite alle componenti economica, corrente e futura del clima di fiducia dei consumatori aumentano – si legge nella nota – (rispettivamente, a 142,9 da 141,8, a 111,1 da 110,7 e a 120,6 da 120,4), mentre la componente personale registra una leggera flessione (a 105,7 da 105,8).
Migliorano sia i giudizi sia le aspettative sull’attuale situazione economica del Paese (a -34 da -37 e a 5 da 4, rispettivamente). I giudizi sui prezzi nei passati 12 mesi e le attese nei prossimi 12 mesi scendono (a -36 da -26 e a -30 da -20). Non si modificano rispetto al mese precedente le attese di disoccupazione (a 12 il saldo).
Riguardo le imprese, il clima di fiducia sale lievemente nella manifattura (a 102,2 da 102,0) mentre mostra un calo nei servizi (a 103,2 da 106,5), nelle costruzioni (a 118,4 da 119,3) e nel commercio al dettaglio (a 104,9 da 106,8).
Nelle imprese manifatturiere migliorano i giudizi sugli ordini (a -13 da -14), rimangono stabili le attese sulla produzione (a 9), mentre i giudizi sulle scorte passano a 4 da 3. Nelle costruzioni peggiorano i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (a -37 da -35) e restano stabili le attese sull’occupazione (a -7).
Nei servizi calano i giudizi e le attese sugli ordini (a -1 da 7 e a 2 da 7, i rispettivi saldi), migliorano invece le attese sull’andamento dell’economia italiana (a 7 da 5). Nel commercio al dettaglio – conclude l’Istituto nazionale di statistica – peggiora il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (a 5 da 13), aumenta quello relativo alle attese sulle vendite future (a 28 da 19); in accumulo sono giudicate le scorte di magazzino (a 11 da 4)”.

 

Scrivi una replica

News

Alfano: “La diplomazia economica è all’1,4% del Pil”

“La diplomazia economica ha aiutato le nostre imprese nell’ottenimento di contratti e commesse contribuendo lo scorso anno in modo diretto o indiretto all’1,4% del Pil…

12 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Esplosione in uno stabilimento di gas in Austria: un morto. Interrotti i flussi dalla Russia

L’esplosione in un impianto di distribuzione di gas a Baumgarten an der March, in Austria, ha provocato un morto e decine di feriti. Interrotto il…

12 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, ad ottobre tasso disoccupazione area Ocse ai livelli pre-crisi

Ad ottobre 2017, nell’area OCSE, il tasso di disoccupazione – ovvero il rapporto tra chi è alla ricerca di un impiego e la forza lavoro…

12 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Boldrini: “Dare un’occupazione a giovani e donne”

“La parola chiave è lavoro, lavoro per i giovani”. Lo ha detto la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, intervenendo in occasione del tradizionale…

12 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia