L’andamento altalenante della fiducia | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’andamento altalenante della fiducia

carrelloAncora una volta – a marzo – gli indici che misurano la fiducia dei consumatori e quella delle imprese, viaggiano in direzione opposta. Stando a quanto riferito dall’Istat, infatti, ad una crescita del primo si è contrapposta una discesa del secondo. Osservando le tabelle relative ai consumatori si nota un miglioramento dei giudizi sulla situazione del Paese e un peggioramento di quelli sulla situazione personale o del proprio nucleo familiare.
In particolare la fiducia dei consumatori, nel terzo mese dell’anno, si è attestata a 115 punti, contro i 114,5 di febbraio. Il dato è dunque tornato a crescere confermando l’andamento altalenante degli ultimi mesi: da agosto a novembre l’indice è sempre cresciuto, passando dai 107 punti di luglio ai 118,3 del penultimo mese del 2015, a dicembre si è invece registrata una battuta d’arresto, a 117,4 punti, a gennaio una nuova inversione di tendenza, a 118,6, e di nuovo un calo a febbraio, appunto a 114,5 punti.
Escluso il clima personale (passato dai 105,8 punti di febbraio ai 105,7 di marzo), si mostrano in crescita tutte le disaggregazioni: il clima economico è passato da 141,8 a 142,9 punti, quello corrente da 110,7 a 111,1 punti, mentre quello futuro da 120,4 a 120,6 punti.
Entrando ancor di più nel dettaglio si nota un lieve miglioramento sia dei giudizi sulla situazione economica del Paese attuale (da -37 a -34) che delle attese (da 4 a 5 punti), mentre emerge una sostanziale stabilità per le attese sulla disoccupazione (12 punti come a febbraio dopo il punto di gennaio). Peggiorano invece i giudizi sulla situazione economica della famiglia (da -29 a -33) e quelli sul bilancio familiare attuale (da 4 a -1) e futuro (da 35 a -36).
Anche per la fiducia delle imprese a marzo si conferma un andamento altalenante. Tuttavia, se per la fiducia delle imprese si sono registrati diversi mesi di crescita consecutiva, il sali-scendi della fiducia delle imprese ha interessato sia il 2014 che il 2015 trovando conferma in questi primi tre mesi del 2016 (101,3 a gennaio, 103,2 a febbraio e 100,1 a marzo).
La dinamica di marzo è stata ampliamente determinata dal calo della fiducia delle imprese dei servizi di mercato, da 106,5 punti a 103,2, e da quella delle imprese del commercio al dettaglio, da 106,8 a 104,9 punti. Tiene quella delle imprese manifatturiere, da 102 a 102,2, mentre scende anche la fiducia delle imprese di costruzioni, passando dai 119,3 di febbraio ai 118,4 di marzo.

 

Scrivi una replica

News

Elezioni, CsC: “Saranno un test molto rilevante”

“Le prossime elezioni politiche si presentano come un test molto rilevante e disegnano per il Paese una biforcazione tra il proseguire il lungo cammino delle…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: “Non accettiamo passi indietro dal Regno Unito”

L’Unione europea non accetterà passi indietro da Londra, nel negoziato sulla Brexit. “Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta” siglata venerdì scorso dal…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Eurostat: “Nel terzo trimestre nuovo record di occupati”

Nel terzo trimestre 2017, l’occupazione nell’Eurozona è cresciuta dello 0,4%. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, sottolineando che il numero degli occupati ha…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, il 61% degli elettori dichiara che voterà per Putin alle elezioni

Il 61% degli elettori russi ha ammesso che voterà per Vladimir Putin alle prossime elezioni presidenziali, in programma il 18 marzo 2018. Lo rende noto…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia