Cosa ostacola la piena ripresa dellʼoccupazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cosa ostacola la piena ripresa dellʼoccupazione

cercare_lavoro_tutele_socialiIl mercato del lavoro ha fatto segnare dei progressi nelle economie avanzate, già osservati nel corso del 2015. Nell’Unione europea il tasso di occupazione ha toccato il 70,1%, registrando un incremento dello 0,9% sul 2014. Negli Stati Uniti, in attesa venerdì dei nuovi dati, il tasso di disoccupazione si attesta ormai da tempo su valori prossimi al 5%. Livello che dovrebbe restare invariato, mentre le previsioni relative al mese di aprile stimano 200 mila posti di lavoro in più.
Insomma, nel complesso i livelli occupazionali sono migliorati negli ultimi tempi rispetto agli anni più duri della crisi economia. Restano tuttavia delle zone d’ombra, ostacoli che rallentano la piena ripresa dell’occupazione. A cominciare dalla disoccupazione di lunga durata e dalla partecipazione alla forza lavoro.
Negli Stati Uniti i buoni risultati ottenuti si scontrano proprio con l’andamento del tasso di partecipazione alla forza lavoro, ovvero il rapporto tra forza lavoro – occupati e disoccupati in cerca di impiego – e popolazione. Quest’ultimo indicatore ha registrato una discesa già dal 2010, arrivando persino a toccare i minimi da oltre 40 anni, al 62,4%.
Per quanto riguarda l’Unione europea, la quota di disoccupazione di lunga durata – la condizione, cioè, che interessa i disoccupati che sono senza lavoro da 12 mesi o più – si è attestata nel 2015 al 48,3%, ma il livello varia in modo significativo in tutte le regioni (Eurostat). In circa il 30% delle regioni europee la maggioranza dei disoccupati risultava essere senza lavoro da almeno un anno, ma in alcune realtà – ad esempio in quattro regioni della Grecia – il valore supera, e non di poco, il 70%.
In Italia, se si osservano i recenti dati Istat, le differenze si notano soprattutto tra le classi di età. Nella classe 25-34 anni gli inattivi sono aumentati in un anno (marzo 2015 – marzo 2016) di 20 mila unità (gli inattivi sono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle che l’Istat non classifica come occupate o in cerca di occupazione); nulla la variazione nella classe 35-49 anni.
Su base congiunturale i dati sono abbastanza conformi. Nella classe di età 25-34 anni si registra un calo del tasso di occupazione e di quello di inattività pari a 0,1 punti percentuali, mentre il tasso di disoccupazione cresce di 0,4 punti. Tra i 35-49enni il tasso di occupazione cresce nell’ultimo mese di 0,4 punti percentuali, a fronte di una diminuzione del tasso di disoccupazione di 0,5 punti e della stabilità del tasso di inattività.
Nel nostro paese il tasso di occupazione (15-64 anni) raggiunge a marzo il 56,7%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente. Nel 2015, relativamente alla fascia di età 20-64 anni così come previsto dall’obiettivo della Strategia Europa 2020 (occupazione al 75%), l’indicatore si è attestato al 60,5% (il target Ue per l’Italia è fissato al 67%).

 

Scrivi una replica

News

Manovra, domani Dombrovskis e Moscovici faranno il punto della situazione sulla trattativa con l’Italia

Il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, e il commissario europeo agli Affari economici e Monetari, Pierre Moscovici, faranno domani, durante la riunione della Commissione,…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Conte: «Reddito di cittadinanza e quota 100 non si toccano»

Il reddito di cittadinanza e quota 100 sulle pensioni «non si toccano». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ai commissari europei Dombrovskis…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Strasburgo, atterrata in Italia la salma di Antonio Megalizzi

La salma di Antonio Megalizzi – il giovane italiano, rimasto ucciso nell’attentato di Strasburgo, l’11 dicembre 2018 – è arrivata in Italia, trasportata con un…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portogallo, il Banco del Portugal abbassa le stime di crescita per il 2018 e il 2019

Nel 2018 e nel 2019, il Prodotto interno lordo del Portogallo crescerà meno del previsto, «essenzialmente» a causa di una crescita meno sostenuta delle esportazioni.…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia