I numeri del franchising in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri del franchising in Italia

shopping_acquistiIl calo dei consumi, registrato negli ultimi anni, sembra aver penalizzato solo marginalmente il franchising, che consiste nella concessione esclusiva ad altre imprese indipendenti (franchisee) di un marchio per la vendita di prodotti o la fornitura di servizi da parte di un’azienda (il franchisor) in cambio di un canone. Il Rapporto Assofranchising Italia 2015 offre un’ulteriore conferma, certificando anche la costante crescita dei franchisor attivi in Italia, pari a circa 950. Dai dati contenuti nel report, condotto in collaborazione con l’Osservatorio permanente sul franchising, emerge che il giro d’affari del settore si attesta a 23,3 miliardi di euro, ovvero circa l’1% del Prodotto interno lordo (PIL) italiano. Nel 2015 sono aumentati tanto i punti vendita – adesso oltre quota cinquantamila (+0,8% su base annua) – quanto gli occupati (ora a 190mila), che sono tornati a crescere dopo la leggera flessione del 2014.
I buoni risultati conseguiti sul mercato interno hanno (probabilmente) convinto i franchisor italiani ad esportare il proprio marchio anche oltre confine: quelli con almeno tre punti vendita attivi all’estero sono 164 (+4,5%). Mentre è ancora più consistente l’aumento del numero dei punti vendita dei franchisor italiani all’estero (+11%).
Il franchising può aiutare a superare le difficoltà solitamente incontrate dai commercianti – Federfranchising Confesercenti ricorda che il 50% delle nuove attività non franchising è in difficoltà dopo sei mesi –, offrendo una soluzione anche a chi è in cerca di occupazione e può tentare la via dell’auto-imprenditorialità. Ciò può valere specialmente per i più giovani – il 26% di chi gestisce un punto vendita in franchising ha un età compresa tra i 25 e i 35 anni (dati Assofranchising) – e per le donne: secondo un dossier del Centro Studi RDS, nel 2014 le imprenditrici, che operavano in franchising, rappresentano il 33,15% del totale degli imprenditori del settore attivi in Italia, in aumento del 20% rispetto al 2008.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia