Le difficoltà delle imprese meridionali | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le difficoltà delle imprese meridionali

imprese-artigianeIl ministero dello Sviluppo economico (MISE) ha ottenuto l’approvazione di una dotazione finanziaria – complessivamente sono stati stanziati 700 milioni di euro destinati esclusivamente a cinque regioni meridionali: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia –, per gli investimenti delle imprese e per lo sviluppo del Mezzogiorno.
I fondi in questione potrebbero stimolare la crescita di una parte del Paese colpita duramente dalla crisi economica: secondo i calcoli dello SVIMEZ, l’Associazione per lo sviluppo dell’industria del Mezzogiorno, tra il 2008 e il 2015 degli 811mila posti di lavoro spariti complessivamente in Italia, ben 576mila sono stati persi nelle sole regioni meridionali.
Nonostante alcune previsioni positive – Confindustria e CERVED stimano che, seppure a ritmi di crescita inferiori rispetto alla media nazionale, nel 2016 le PMI meridionali vedranno crescere tanto il fatturato (+2,8%) quanto il valore aggiunto (+4,1%) – quest’anno non è iniziato nel migliore dei modi per gli imprenditori meridionali. Secondo Movimprese, l’indagine trimestrale sulla natalità e la mortalità delle imprese italiane registrate presso le Camere di Commercio, nel Mezzogiorno – dove si registra il più alto numero di imprese attive rispetto alle altre aree geografiche del Paese: 1.993.977 attività, secondo i dati aggiornati al 31 marzo 2016 –, nel primo trimestre del 2016, a fronte di 36.748 iscrizioni, le cessazioni sono state 39.870 cessazioni. Con un saldo negativo pari a 3.122 unità, dunque.
Oltre ad accedere con maggiori difficoltà al credito bancario – difficoltà sottolineate recentemente anche da Confesercenti –, una parte degli imprenditori meridionali fa i conti anche con una pressione fiscale particolarmente elevata, specie nel confronto con il resto del Paese. L’ultimo dossier del Centro Studi della CNA osserva che, tra i dieci comuni con il Total Tax Rate – ovvero il peso complessivo del fisco – più alto nel 2015, ben sei (Reggio Calabria, Catania, Bari, Napoli, Salerno e Foggia) sono meridionali. In particolare, nella città calabrese, che occupa il primo posto della classifica, il Total Tax Rate è pari al 73,2% contro il 61% della media nazionale.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, domani Dombrovskis e Moscovici faranno il punto della situazione sulla trattativa con l’Italia

Il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, e il commissario europeo agli Affari economici e Monetari, Pierre Moscovici, faranno domani, durante la riunione della Commissione,…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Conte: «Reddito di cittadinanza e quota 100 non si toccano»

Il reddito di cittadinanza e quota 100 sulle pensioni «non si toccano». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ai commissari europei Dombrovskis…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Strasburgo, atterrata in Italia la salma di Antonio Megalizzi

La salma di Antonio Megalizzi – il giovane italiano, rimasto ucciso nell’attentato di Strasburgo, l’11 dicembre 2018 – è arrivata in Italia, trasportata con un…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portogallo, il Banco del Portugal abbassa le stime di crescita per il 2018 e il 2019

Nel 2018 e nel 2019, il Prodotto interno lordo del Portogallo crescerà meno del previsto, «essenzialmente» a causa di una crescita meno sostenuta delle esportazioni.…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia