Perché investire in ricerca e sviluppo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché investire in ricerca e sviluppo

di Mirko Spadoni

ricercaIl contributo delle imprese italiane alla spesa in ricerca e sviluppo (R&S) del nostro Paese è sempre più significativo. A ricordarlo è stata la CNA – la Confederazione nazionale dell’artigianato e della Piccola e media impresa – che, citando i dati dell’Eurostat, ha voluto sottolineare l’aumento della quota delle imprese sul totale della spesa italiana in R&S avvenuto nell’ultimo decennio.
Nel 2013 le imprese italiane hanno sostenuto così gli investimenti in R&S: la loro quota ha raggiunto il 54,7% (nel 2012 era il 54,2%), il 6% in più rispetto a dieci anni fa. La crisi economica e la necessità di tenere sotto controllo i conti pubblici hanno imposto ad alcuni Paesi una revisione della spesa pubblica e così le risorse dedicate alla ricerca e allo sviluppo non sono aumentate.
Il discorso vale specialmente per le economie più avanzate – tra il 2008 e il 2012 la quota dei 34 Paese OCSE sugli investimenti globali in R&S si è ridotta, passando dal 90 al 70% (dati OECD Science, Technology and Industry Outlook 2014) – e per i Paesi dell’Europa meridionale. Come l’Italia, per l’appunto. Nel 2012 la spesa in R&S di Portogallo (1,50%), Spagna (1,30%) e Italia (1,27%) era significativamente inferiore alla media OCSE (2,40%) e alla spesa dell’economie dell’Europa settentrionale, come Germania, Danimarca, Svezia e Finlandia che investono oltre il 3% del PIL. Non tutti i Paesi hanno ridotto i propri investimenti in R&S, però.
Il caso cinese è abbastanza significativo: complice un incremento vertiginoso della spesa avvenuto negli ultimi anni – la spesa in R&S è passata dai 51,3 miliardi del 2002 ai 256,8 miliardi del 2012 – l’OCSE prevede che entro il 2019 la Cina diventerà il primo Paese al mondo per investimenti dedicati alla ricerca e allo sviluppo.
Del resto, gli investimenti nella ricerca e nello sviluppo sono fondamentali per sostenere la crescita economica di un Paese. A ricordarcelo è l’Unione europea stessa, secondo cui investire il 3% del PIL dell’UE per la ricerca e l’innovazione entro il 2020 potrebbe generare 3,7 milioni di posti di lavoro e far crescere il PIL annuale, fino a toccare gli 800 miliardi di euro, entro il 2025.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia