Su retribuzioni e potere d’acquisto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Su retribuzioni e potere d’acquisto

consumi_crisi_economicaNel 2015 è aumentata tanto la retribuzione annuale media dei lavoratori italiani quanto, complice un’inflazione pressoché nulla, anche il potere d’acquisto. Incrementi che, per quanto positivi, non hanno rilanciato definitivamente i consumi. Secondo un’analisi condotta dall’OD&M Consulting, complice un’inflazione sostanzialmente nulla – dopo l’incremento dello 0,2% registrato l’anno precedente, nel 2015 l’inflazione è cresciuta dello 0,1% su base annua (dati ISTAT) –, nel 2015 la retribuzione totale annua media degli italiani è aumentata del 3,7% rispetto al 2014. Si tratta di una media, naturalmente.
L’incremento rilevato dall’OD&M Consulting ha interessato i lavoratori italiani con intensità diverse: i dirigenti e gli operai hanno registrato gli aumenti più rilevanti, mentre le retribuzioni degli impiegati e dei quadri sono rimaste sostanzialmente stabili rispetto all’anno precedente.
Complice un’inflazione pressoché invariata rispetto all’anno precedente, lo studio sottolinea che l’incremento delle retribuzioni è stato accompagnato anche da un conseguente aumento del potere d’acquisto. Come confermato anche dall’ISTAT, del resto: secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica, nel 2015 il potere di acquisto delle famiglie consumatrici è cresciuto dello 0,8% rispetto all’anno precedente.
Per quanto positivo – il potere d’acquisto delle famiglie italiane non aumentava su base annua dal 2007 –, l’incremento registrato dall’ISTAT è attribuibile principalmente alla bassa inflazione e inoltre non si è ancora tradotto in una ripresa definitiva dei consumi, la cui crescita è caratterizzata da un andamento altalenante: a marzo l’indicatore dei consumi elaborato da Confcommercio ha registrato un calo dello 0,4% rispetto al mese di febbraio, con un incremento dell’1,5% su base annua.
Eppure Confesercenti osservava che, rispetto allo scorso anno, l’attuale discesa dei prezzi permetterebbe (a parità di beni e servizi acquistati) un risparmio di quasi due miliardi di euro per gli italiani, pari a circa 90 euro l’anno a famiglia.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, Moscovici: «Italia e Francia sono in situazioni totalmente diverse»

«Il confronto con l’Italia è allettante ma sbagliato, perché le situazioni sono totalmente diverse». Lo ha detto il commissario europeo agli Affari economici e monetari,…

12 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, CsC: «In Italia l’occupazione è ferma»

«L’occupazione è ferma». Lo ha scritto il CsC, il Centro Studi Confindustria, nella Congiuntura flash. «La ripresa occupazionale si è arrestata da giugno: in ottobre…

12 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pil, CsC: «Attesa performance debole nel IV trimestre»

«La gran parte degli indicatori congiunturali concordano su un Pil italiano debole nel quarto trimestre (dopo il -0,1% nel terzo)». Lo ha scritto il Centro…

12 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ddl Anticorruzione, il governo pone la fiducia al Senato

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro, ha presentato al Senato un maxi-emendamento interamente sostitutivo del Ddl anticorruzione, preannunciando l’intenzione del governo…

12 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia