Su retribuzioni e potere d’acquisto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Su retribuzioni e potere d’acquisto

consumi_crisi_economicaNel 2015 è aumentata tanto la retribuzione annuale media dei lavoratori italiani quanto, complice un’inflazione pressoché nulla, anche il potere d’acquisto. Incrementi che, per quanto positivi, non hanno rilanciato definitivamente i consumi. Secondo un’analisi condotta dall’OD&M Consulting, complice un’inflazione sostanzialmente nulla – dopo l’incremento dello 0,2% registrato l’anno precedente, nel 2015 l’inflazione è cresciuta dello 0,1% su base annua (dati ISTAT) –, nel 2015 la retribuzione totale annua media degli italiani è aumentata del 3,7% rispetto al 2014. Si tratta di una media, naturalmente.
L’incremento rilevato dall’OD&M Consulting ha interessato i lavoratori italiani con intensità diverse: i dirigenti e gli operai hanno registrato gli aumenti più rilevanti, mentre le retribuzioni degli impiegati e dei quadri sono rimaste sostanzialmente stabili rispetto all’anno precedente.
Complice un’inflazione pressoché invariata rispetto all’anno precedente, lo studio sottolinea che l’incremento delle retribuzioni è stato accompagnato anche da un conseguente aumento del potere d’acquisto. Come confermato anche dall’ISTAT, del resto: secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica, nel 2015 il potere di acquisto delle famiglie consumatrici è cresciuto dello 0,8% rispetto all’anno precedente.
Per quanto positivo – il potere d’acquisto delle famiglie italiane non aumentava su base annua dal 2007 –, l’incremento registrato dall’ISTAT è attribuibile principalmente alla bassa inflazione e inoltre non si è ancora tradotto in una ripresa definitiva dei consumi, la cui crescita è caratterizzata da un andamento altalenante: a marzo l’indicatore dei consumi elaborato da Confcommercio ha registrato un calo dello 0,4% rispetto al mese di febbraio, con un incremento dell’1,5% su base annua.
Eppure Confesercenti osservava che, rispetto allo scorso anno, l’attuale discesa dei prezzi permetterebbe (a parità di beni e servizi acquistati) un risparmio di quasi due miliardi di euro per gli italiani, pari a circa 90 euro l’anno a famiglia.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Export in calo dello 0,1% ad aprile»

«Ad aprile 2018 si stima un lieve aumento congiunturale sia per le esportazioni (+0,1%) sia per le importazioni (+0,7%). La lieve crescita congiunturale dell’export è…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Colombia, presidenziali al centrodestra: vince Duque

Le elezioni presidenziali in Colombia sono state vinte dal candidato di centrodestra Ivan Duque, che ha ottenuto il 54% dei voti. Il suo rivale Gustavo…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, sisma di magnitudo 6.1 a Osaka: tre morti e 100 feriti

un terremoto di magnitudo 6.1 ha fatto tremare il Giappone nell’area di Osaka. Il sisma ha provocato tre vittime e 100 feriti.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,91 dollari al barile e Brent a 72,9 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 63,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 72,9 dollari.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia