Lavoro e crescita: l’impatto della crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro e crescita: l’impatto della crisi

disoccupati_precari_lavoroNonostante qualche segnale positivo – nel 2015 il Prodotto interno lordo (PIL) italiano è tornato a crescere (+0,8% su base annua) –, la ripresa economica non si è ancora concretizzata definitivamente: negli ultimi dodici mesi, ogni giorno oltre 390 imprese hanno chiuso i battenti. A sottolinearlo è un’analisi di Rete Imprese Italia con REF, secondo cui, se la crisi economica non si fosse mai verificata, ad oggi il Prodotto interno lordo (PIL) italiano risulterebbe superiore del 15% – ovvero 230 miliardi di euro in più – rispetto ai livelli attuali.
Nonostante le difficoltà, le micro-imprese – ovvero quelle che impiegano meno di 10 addetti – hanno contribuito a frenare l’emorragia occupazionale avvenuta in Italia – nel nostro Paese, tra il 2008 e il 2015, sono stati bruciati 811mila posti di lavoro –, dando un impiego a 375mila lavoratori, stando alle stime di Rete Imprese Italia.
Secondo cui le piccolissime imprese hanno rappresentato uno sbocco occupazionale alternativo al lavoro dipendente, impiegando anche un numero crescente di laureati: nel 2015 erano il 25% in più di laureati rispetto al 2007, pari a 530mila posti di lavoro.
L’analisi osserva che il fisco rappresenta il primo ostacolo per le PMI italiane. Difficile sorprendersi, però. Secondo un’indagine realizzata da Confcommercio in collaborazione con Format Research, per chi è riuscito ad avviare un’impresa le principali difficoltà da superare sono state l’eccessivo livello delle tasse (nel 35% dei casi) e il peso degli adempimenti amministrativi (27%).
Negli ultimi anni, inoltre, il peso del fisco è aumentato in modo considerevole: stando ai dati raccolti da ITWorking elaborati da Confartigianato, nel 2014 le piccole imprese italiane – l’indagine considera un’azienda composta da due lavoratori indipendenti e tre dipendenti a tempo indeterminato con un immobile produttivo di proprietà – hanno pagato complessivamente 70 miliardi di euro di tasse, il 29,5% in più rispetto ai 54,5 miliardi del 2011.

 

Scrivi una replica

News

Dl sicurezza e immigrazione, Salvini: «Non lediamo nessun diritto fondamentale»

«Non lediamo nessuno diritto fondamentale: se entri a casa mia e spacci ti accompagno da dove sei arrivato». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «A breve la “manovra del popolo” che gli ultimi e fa la guerra ai potenti»

Quella a cui sta lavorando il governo è «la “manovra del popolo”» che «aiuta gli ultimi e fa la guerra ai potenti». Lo ha scritto…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, il Cdm ha approvato il decreto sicurezza e immigrazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato, dopo circa un’ora di discussione, il decreto immigrazione e sicurezza. «Decreto Sicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei ministri approva…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Di Maio: «I giornali cercano di imputare al nostro governo i disastri di Renzi»

«Oggi tutti i giornali si rendono conto dei casini che il Pd ha combinato con il Jobs Act perché presto scadrà la cassa integrazione per…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia