Rallenta la produzione industriale nell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Rallenta la produzione industriale nell’Eurozona

produzione_industrialeChe momento è per il Vecchio continente? Osservando alcuni indicatori si comprendono meglio le preoccupazioni di organizzazioni internazionali e istituti comunitari secondo cui la ripresa prosegue, ma resta debole alimentando perciò l’incertezza in questa fase. Un’ulteriore conferma, infatti, giungerebbe dal trend della produzione industriale, che non sta registrando risultati esaltanti.
La produzione industriale è un indicatore preso molto in considerazione, poiché misura lo stato di salute di un’economia. L’Eurozona sta mostrando un rallentamento in questo senso. A marzo l’Eurostat rileva una flessione per il secondo mese consecutivo, dopo la crescita di inizio anno (+1,9%, gennaio 2016).
Tanto per cominciare, la produzione industriale in Germania a marzo è scesa dell’1,3% su base mensile, peggio delle attese, ma non abbastanza da compromettere la crescita nel primo trimestre 2016. La Germania, infatti, ha anche registrato un recupero dell’export, che fa sperare in migliore andamento della produzione nei prossimi mesi.
Certo, però, che in alcune realtà come la nostra il rallentamento del commercio mondiale ha influito, e non poco, sugli ultimi risultati. In Italia la produzione industriale ha evidenziato una crescita annua dello 0,5%, mentre su base mensile non sono stati registrati progressi. E non deve stupire troppo se settori export oriented hanno ceduto terreno più di altri segmenti.
In Francia, contrariamente a quanto previsto, la produzione industriale risulta in calo dello 0,3% (la produzione nel comparto automobilistico è diminuita del 3,1%). La Spagna resta un’eccezione, che torna ad accelerare dopo la flessione dello scorso mese. L’aumento a marzo è stato dell’1,2%, mentre l’incremento anno su anno è del 2,8%.
Nel complesso il calo della produzione industriale nell’Eurozona è stato dello 0,8%, ma la risalita – seppur debole – è resa evidente dall’aumento dello 0,2% sull’anno. Nell’Ue28, invece, la flessione su base mensile è stata dello 0,5%.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia