Rallenta la produzione industriale nell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Rallenta la produzione industriale nell’Eurozona

produzione_industrialeChe momento è per il Vecchio continente? Osservando alcuni indicatori si comprendono meglio le preoccupazioni di organizzazioni internazionali e istituti comunitari secondo cui la ripresa prosegue, ma resta debole alimentando perciò l’incertezza in questa fase. Un’ulteriore conferma, infatti, giungerebbe dal trend della produzione industriale, che non sta registrando risultati esaltanti.
La produzione industriale è un indicatore preso molto in considerazione, poiché misura lo stato di salute di un’economia. L’Eurozona sta mostrando un rallentamento in questo senso. A marzo l’Eurostat rileva una flessione per il secondo mese consecutivo, dopo la crescita di inizio anno (+1,9%, gennaio 2016).
Tanto per cominciare, la produzione industriale in Germania a marzo è scesa dell’1,3% su base mensile, peggio delle attese, ma non abbastanza da compromettere la crescita nel primo trimestre 2016. La Germania, infatti, ha anche registrato un recupero dell’export, che fa sperare in migliore andamento della produzione nei prossimi mesi.
Certo, però, che in alcune realtà come la nostra il rallentamento del commercio mondiale ha influito, e non poco, sugli ultimi risultati. In Italia la produzione industriale ha evidenziato una crescita annua dello 0,5%, mentre su base mensile non sono stati registrati progressi. E non deve stupire troppo se settori export oriented hanno ceduto terreno più di altri segmenti.
In Francia, contrariamente a quanto previsto, la produzione industriale risulta in calo dello 0,3% (la produzione nel comparto automobilistico è diminuita del 3,1%). La Spagna resta un’eccezione, che torna ad accelerare dopo la flessione dello scorso mese. L’aumento a marzo è stato dell’1,2%, mentre l’incremento anno su anno è del 2,8%.
Nel complesso il calo della produzione industriale nell’Eurozona è stato dello 0,8%, ma la risalita – seppur debole – è resa evidente dall’aumento dello 0,2% sull’anno. Nell’Ue28, invece, la flessione su base mensile è stata dello 0,5%.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia