Abolizione delle misure anti-dumping verso la Cina: quali effetti? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Abolizione delle misure anti-dumping verso la Cina: quali effetti?

cinaIl Parlamento europeo ha approvato una risoluzione (non vincolante) che chiede alla Commissione europea di non riconoscere alla Cina lo status di economia di mercato. Secondo i parlamentari europei, quella cinese non è un’economia di mercato in quanto non rispetta i cinque parametri per essere considerata tale. Ad esempio, contrariamente a quanto accade in una reale “economia di mercato”, dove sono le imprese a farsi carico dei costi di investimento e di produzione, in Cina lo Stato controlla e sostiene direttamente le aziende attive in settori strategici (siderurgico, minerario, energetico…).
Un aspetto di cui, secondo il Parlamento europeo, Bruxelles dovrà (necessariamente) tenere conto quando, entro la fine del 2016, dovrà decidere se riconoscere o meno lo status di economia di mercato alla Cina. Come previsto dagli accordi stipulati con Pechino al momento del suo ingresso nell’Organizzazione mondiale del Commercio (WTO) avvenuto nel 2001.
Riconoscendo alla Cina lo status di economia di mercato, Bruxelles dovrà abolire le numerose misure anti-dumping (concorrenza sleale) ancora in vigore e che tutelano le imprese europee dalle merci prodotte dalle concorrenti cinesi, che risultano più competitive perché sostenute in modo più o meno rilevante dall’intervento statale.
Attualmente i prodotti cinesi su cui l’Unione europea ha imposto dazi doganali sono 52. Mentre la ceramica, la chimica, la siderurgia, i pannelli solari e i biocarburanti sono i settori più esposti alla concorrenza cinese.
Pur riguardando una percentuale molto esigua dei prodotti esportate dalla Cina nell’Unione europea – Bruxelles sostiene che i dazi anti-dumping sono applicati soltanto all’1,3% delle merci cinesi importate –, una loro eventuale rimozione avrebbe un impatto significativo sui Paesi dell’UE e in particolare sull’Italia. Stando ad un’analisi della Commissione europea, il 79% dei posti di lavoro tutelati dalle misure anti-dumping – 234 mila, che salgono a circa 350 mila considerando anche l’indotto – sono in Francia (5%), Germania (24%), Italia (28%), Portogallo (5%), Spagna (12%) e Polonia (5%).
Le stime della Commissione europea non coincidono con quelle contenute in un rapporto dell’Economic Policy Institute. Secondo cui un’eventuale abolizione delle misure anti-dumping verso la Cina metterebbe a rischio tra gli 1,7 e i 3,5 milioni di posti di lavoro nei prossimi cinque anni. Solo in Italia gli occupati, che rischierebbero di perdere l’impiego, sono compresi tra le 208.100 e le 416.200 unità.

 

Scrivi una replica

News

Via libera della Camera alla prosecuzione delle missioni internazionali per il 2018

La Camera dei deputati ha dato il suo via libera alla prosecuzione per il 2018 delle missioni internazionali, compresa quella nel Niger. Ha votato a…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, i colloqui di pace riprenderanno a Vienna il 25 gennaio

I colloqui di pace per la Siria riprenderanno a Vienna il 25 e 26 gennaio. Lo ha reso noto l’inviato speciale delle Nazioni Unite nel…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Antonio Patuelli confermato presidente dell’Abi

Antonio Patuelli è stato confermato presidente dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana. Lo ha deciso all’unanimità il comitato esecutivo dell’ABI. Patuelli resterà in carica fino all’estate 2020.…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: “Ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno”

L’ambasciata statunitense potrebbe essere trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme “molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno da oggi”. Lo ha…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia