La deflazione pesa sull’agricoltura | T-Mag | il magazine di Tecnè

La deflazione pesa sull’agricoltura

agricolturaIn un contesto in cui l’Italia vede risalire, timidamente va sottolineato, i vari indicatori economici – non ultimo il Pil, aumentato dell’1% rispetto al primo trimestre dello scorso anno – c’è uno dei settori più importanti del Made in Italy che ancora affronta diverse criticità: l’agricoltura.
Tra gli alti e bassi legati al clima, le importazioni dall’estero, gli allarmismi legati alla carne e l’embargo russo (scattato in risposta alle sanzioni occidentali legate alla crisi ucraina) l’agricoltura italiana ha subito duri colpi. Non solo, secondo la Coldiretti a pesare maggiormente sull’agricoltura è stata la deflazione che ha interessato il settore.
Non è dunque un caso il costante abbandono di stalle e fattorie: secondo l’associazione degli agricoltori, infatti, i prezzi sono scesi notevolmente per quasi tutte le tipologie di prodotti, in alcuni casi anche al di sotto dei costi di produzione. Basti pensare al -24% che ha interessato il grano duro o al -57% dei peperoni. Giù del 34% anche il prezzo del latte e del 48% quello dei pomodori.
Sono state circa 12 mila le stalle che negli ultimi cinque anni hanno chiuso i battenti, con pesanti ripercussioni sia sulla sicurezza alimentare che sull’occupazione. Solo l’allarmismo legato all’annuncio dell’Oms riguardo la carne rossa avrebbe messo a rischio 180mila posti di lavoro.
Una serie di dinamiche che ovviamente si ripercuotono sul valore aggiunto generato dal settore. Secondo gli ultimi dati dell’Istat, infatti, la modesta accelerazione congiunturale del prodotto interno lordo sarebbe legato all’aumento del valore aggiunto dei settori dell’industria e dei servizi, mentre è diminuito quello dell’agricoltura.
Il calo che ha interessato il primo trimestre del 2016 non è però un caso isolato. Osservando le serie storiche dell’Istat, aggiornate al 2014, mostrano infatti, da inizio crisi ad oggi, un andamento altalenante per il valore aggiunto generato dall’agricoltura. Tra il 2007 ed oggi l’indicatore ha sempre oscillato intorno ai 30,5 miliardi, con un minimo di 28,1 miliardi nel 2010 e un massimo di 33,7 miliardi nel 2013, sceso a 31,5 nel 2014.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia