Commercio estero: nuovo calo dell’export a marzo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero: nuovo calo dell’export a marzo

exportContinua l’andamento incostante delle esportazioni italiane. Per il mese di marzo, sia livello congiunturale che a quello tendenziale, le elaborazioni dell’Istat segnalano un nuovo calo dopo gli aumenti registrati a febbraio. Da settembre 2015, infatti, l’export italiano è stato interessato da un andamento altalenante: all’aumento tendenziale dell’1,4% seguirono il -1,4% di ottobre, il +6,3% di novembre, il +3,4% di dicembre, il -3,6% di gennaio 2016 e il +3,3% di febbraio. A marzo, ultimo mese considerato, le esportazioni sono nuovamente diminuite, segnando un -1,1%.
Il confronto congiunturale, invece, ha riportato una dinamica anche peggiore. Nel corso del 2015 sono stati ben sette i mesi in cui l’export ha riportato variazioni negative, chiudendo comunque l’anno con un +3,3% sul 2014. Tuttavia il 2016 non è iniziato nel migliore dei modi: al -2,2% di dicembre è seguito un -2,3% a gennaio. Dato a cui si è contrapposto un +2,2% a febbraio, al quale è seguito però il -1,5% registrato a marzo.
In particolare quest’ultimo dato, sottolinea l’Istat, è il risultato del decremento riscontrato nelle vendite verso entrambe le aree (intra-Ue ed extra-Ue). Le vendite verso i Paesi dell’Unione europea sono infatti scese del 2,5%, mentre quelle verso i Paesi al di fuori dell’area sono scese dello 0,3%. Negativa anche la dinamica dell’intero trimestre: -1,7%, con un -0,7% per quelle verso i Paesi Ue e un -3% per quelle verso i Paesi extra-Ue.
Per quanto riguarda i prodotti, il calo congiunturale è ascrivibile in larga parte alla flessione del 5,6% che ha interessati le vendite di beni di consumo non durevole, al -2,3% dei prodotti intermedi e al -4,4% dei beni di consumo durevoli. Il calo tendenziale (-5,2% le vendite verso i Paesi extra-Ue e +2,3% quelle verso i Paesi dell’Unione europea) è invece legato al pesante -21,7% riportato dall’export di prodotti energetici e al -2,6% dei prodotti intermedi.
Il resoconto riguardante il commercio con i principali partner indica un aumento delle vendite verso il Belgio (+16,9%), verso gli Stati Uniti (+11,2%), verso la Repubblica Ceca (+8,1%), verso il Giappone (+7,9%) e verso la Francia (+5,7%). Allo stesso tempo Svizzera (-4,4%), area Asean (-8,1%), Turchia (-11,2%), area Opec (-21,6%) e area Mercosur (-28,2%).

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Inflazione rivista al ribasso all’1.6% a novembre»

«Nel mese di novembre 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisca dello 0,2%…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Avvocato Battisti: «Irreperibile da giovedì»

L’avvocato di Cesare Battisti, Igor Sant’Anna Tamasauska, ha rivelato all’Ansa che il suo assistito è irreperibile dalla giornata di giovedì 13 dicembre.…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel 2017 40mila morti per arma da fuoco

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, nel 2017 ci sono stati 40mila morti per arma da fuoco. Il dato è il più alto…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Stop di 3 mesi a dazi su auto provenienti dagli Usa»

«La Cina ha deciso di sospendere per tre mesi, dal primo gennaio al 31 marzo 2019, l’applicazione dei dazi aggiuntivi dal 15% al 40%, sulle…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia