Commercio estero: nuovo calo dell’export a marzo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero: nuovo calo dell’export a marzo

exportContinua l’andamento incostante delle esportazioni italiane. Per il mese di marzo, sia livello congiunturale che a quello tendenziale, le elaborazioni dell’Istat segnalano un nuovo calo dopo gli aumenti registrati a febbraio. Da settembre 2015, infatti, l’export italiano è stato interessato da un andamento altalenante: all’aumento tendenziale dell’1,4% seguirono il -1,4% di ottobre, il +6,3% di novembre, il +3,4% di dicembre, il -3,6% di gennaio 2016 e il +3,3% di febbraio. A marzo, ultimo mese considerato, le esportazioni sono nuovamente diminuite, segnando un -1,1%.
Il confronto congiunturale, invece, ha riportato una dinamica anche peggiore. Nel corso del 2015 sono stati ben sette i mesi in cui l’export ha riportato variazioni negative, chiudendo comunque l’anno con un +3,3% sul 2014. Tuttavia il 2016 non è iniziato nel migliore dei modi: al -2,2% di dicembre è seguito un -2,3% a gennaio. Dato a cui si è contrapposto un +2,2% a febbraio, al quale è seguito però il -1,5% registrato a marzo.
In particolare quest’ultimo dato, sottolinea l’Istat, è il risultato del decremento riscontrato nelle vendite verso entrambe le aree (intra-Ue ed extra-Ue). Le vendite verso i Paesi dell’Unione europea sono infatti scese del 2,5%, mentre quelle verso i Paesi al di fuori dell’area sono scese dello 0,3%. Negativa anche la dinamica dell’intero trimestre: -1,7%, con un -0,7% per quelle verso i Paesi Ue e un -3% per quelle verso i Paesi extra-Ue.
Per quanto riguarda i prodotti, il calo congiunturale è ascrivibile in larga parte alla flessione del 5,6% che ha interessati le vendite di beni di consumo non durevole, al -2,3% dei prodotti intermedi e al -4,4% dei beni di consumo durevoli. Il calo tendenziale (-5,2% le vendite verso i Paesi extra-Ue e +2,3% quelle verso i Paesi dell’Unione europea) è invece legato al pesante -21,7% riportato dall’export di prodotti energetici e al -2,6% dei prodotti intermedi.
Il resoconto riguardante il commercio con i principali partner indica un aumento delle vendite verso il Belgio (+16,9%), verso gli Stati Uniti (+11,2%), verso la Repubblica Ceca (+8,1%), verso il Giappone (+7,9%) e verso la Francia (+5,7%). Allo stesso tempo Svizzera (-4,4%), area Asean (-8,1%), Turchia (-11,2%), area Opec (-21,6%) e area Mercosur (-28,2%).

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia