La crescita sostiene la risalita dell’occupazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crescita sostiene la risalita dell’occupazione

sicurezza_lavoroIl mercato del lavoro è apparso negli ultimi tempi più dinamico, riflesso di una, seppur lenta, risalita economica che sta interessando il paese. Il tasso di disoccupazione è sceso all’11,4% nel mese di marzo mentre gli occupati sono 90 mila in più. L’andamento viene confermato anche dal trend relativo alle richieste di indennità di disoccupazione. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Inps, infatti, nei primi tre mesi del 2016 le domande complessive di indennità di disoccupazione sono state 353.293, vale a dire un calo del 28,2% rispetto allo stesso periodo del 2015.
Altro dato interessante è quello relativo ai posti vacanti. Il tasso di posti vacanti è un indicatore che fornisce un’ulteriore chiave di lettura rispetto alla vitalità del mercato del lavoro. Tasso di disoccupazione e tasso di occupazione rappresentano la porzione di offerta sulla forza lavoro, soddisfatta o meno. Al contrario il tasso di posti vacanti riguarda il lato della domanda, cioè le imprese.
Così nella definizione Istat: “I posti vacanti misurano le ricerche di personale che alla data di riferimento (l’ultimo giorno del trimestre) sono già iniziate e non ancora concluse. Sono, infatti, quei posti di lavoro retribuiti che siano nuovi o già esistenti, purché liberi o in procinto di diventarlo, per i quali il datore di lavoro cerchi attivamente un candidato adatto al di fuori dell’impresa interessata e sia disposto a fare sforzi supplementari per trovarlo”.
Nel primo trimestre 2016 il tasso di posti vacanti è rimasto stabile allo 0,7% rispetto al trimestre precedente. Il tasso è stabile sia nell’industria sia nei servizi, rispettivamente allo 0,6% e allo 0,7% (percentuali comunque in lieve miglioramento rispetto al 2014).
La risalita della domanda interna (consumi e investimenti), che compensa il rallentamento del commercio estero, ha effetti positivi sui livelli occupazionali. Non a caso, pur mantenendosi il tasso di disoccupazione su valori stabili (11,3% in media d’anno), l’Istat nelle prospettive per l’economia italiana nel 2016 prevede l’occupazione, espressa in termini di unità di lavoro, in aumento (+0,8% rispetto al 2015), sostenuta dalla crescita dell’attività economica.

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia