Internet come volano dell’economia mondiale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Internet come volano dell’economia mondiale

di Umberto Schiavella

internetSecondo i dati di We Are Social, su una popolazione mondiale di 7,4 miliardi di persone, gli utenti connessi ad internet risultano essere circa 3,4 miliardi. Sempre a livello mondiale sono 2,3 miliardi le persone che utilizzano i social network e 3,8 miliardi le persone che utilizzano device mobili. Rispetto al 2015, gli utenti che accedono ad internet sono cresciuti del 10%, così come sono cresciuti gli utenti che viaggiano sul web tramite mobile. Nel 2010 solo il 2,9% degli utenti accedeva ad internet tramite un dispositivo mobile, oggi, il 40% degli utenti di tutto il mondo accede al web da mobile. La penetrazione di internet è molto più alta in Europa e negli Stati Uniti rispetto ad altri paesi dove sfiora il 90%, anche se, a livello assoluto, gli utenti di internet si trovano per lo più in Asia dove, però, il tasso di penetrazione del web sul totale della popolazione supera di poco il 50%. Internet ha le percentuali più basse di penetrazione in quei paesi dove sono ancora in vigore censure governative, come, ad esempio in Corea del Nord o nei cosiddetti paesi sottosviluppati. Se si analizzano quante ore vengono spese su internet dagli utenti ogni giorno si nota che i tassi di utilizzo più alti provengono proprio dai paesi in crescita a livello economico, come il Brasile, il Sud Africa e i Paesi Arabi, qui il tempo dedicato ad internet supera le cinque ore giornaliere. La sfida del futuro è l’abbattimento del digital divide a livello globale, ossia rendere disponibile la connessione internet a tutti e in tutto il mondo. La società britannica PwC ha pubblicato uno studio realizzato per Facebook che analizza i possibili scenari dei prossimi 10 anni in 120 paesi del mondo stimando che, se internet fosse disponibile a tutti nel mondo, ci sarebbe una spinta alla produzione economica globale pari a 6.700 miliardi di dollari eliminando lo stato di povertà per circa mezzo miliardo di persone. Per la società inglese se internet fosse accessibile anche per i quattro miliardi di persone che al momento non sono connesse, il rapporto tra utenti di internet nei paesi in via di sviluppo e quelli nei mercati sviluppati sarebbe di 5 a 1 (attualmente siamo a 2 a 1). Oltre ad un aumento del Pil globale stimato di 6,7 mila miliardi si prevede anche un’opportunità di crescita di 400 miliardi di dollari per gli operatori delle telecomunicazioni e di 200 miliardi di dollari per i fornitori di contenuti. Proprio per questo motivo i due giganti del web, Facebook e Google, sono molto interessati alla possibilità di diffondere la connessione in tutto il mondo e hanno lanciato due progetti simili per dare vita a delle “infrastrutture” mobili che, solcando i cieli, saranno in grado di diffondere connessioni veloci a basso costo. Il colosso di Mountain View sta sperimentando dei palloni aerostatici da posizionare nella stratosfera a 18 km di altezza, il famoso “Project Loon”. Anche Facebook, dopo aver reso possibile, con il progetto internet.org, connettersi al web in paesi come l’Africa, l’Asia e l’America Latina tramite la sua app con la quale si può accedere ad alcuni siti specifici come Wikipedia o ad alcuni siti governativi senza pagare per i dati scaricati sta lavorando al progetto “Aquila”. Si tratta di un drone alimentato ad energia solare in grado di volare per tre mesi di seguito e di fornire una connessione wi-fi attraverso l’uso del laser. Il drone volerà tra i 18 e i 27 km di altezza, più in alto dei voli commerciali dove le condizioni climatiche non avranno alcuna influenza sul segnale stesso. Gli analisti di PwC, infine, fanno notare che i progressi verso l’inclusione globale hanno subito un rallentamento negli ultimi anni a causa degli elevati costi e della velocità effettiva delle infrastrutture esistenti. La ricerca evidenzia che i prezzi di internet dovrebbero calare almeno del 70% per poter essere sostenuti dall’80% della popolazione. Inoltre, il 90% delle persone vive in luoghi dove è presente una copertura, ma la maggior parte di loro non può permettersela, infatti, per il 66% della popolazione un piano dati di 500 MB costa più del 5% delle proprie entrate mensili.

 

Scrivi una replica

News

Via libera della Camera alla prosecuzione delle missioni internazionali per il 2018

La Camera dei deputati ha dato il suo via libera alla prosecuzione per il 2018 delle missioni internazionali, compresa quella nel Niger. Ha votato a…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, i colloqui di pace riprenderanno a Vienna il 25 gennaio

I colloqui di pace per la Siria riprenderanno a Vienna il 25 e 26 gennaio. Lo ha reso noto l’inviato speciale delle Nazioni Unite nel…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Antonio Patuelli confermato presidente dell’Abi

Antonio Patuelli è stato confermato presidente dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana. Lo ha deciso all’unanimità il comitato esecutivo dell’ABI. Patuelli resterà in carica fino all’estate 2020.…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: “Ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno”

L’ambasciata statunitense potrebbe essere trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme “molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno da oggi”. Lo ha…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia