Così il trend delle tasse sui salari in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Così il trend delle tasse sui salari in Italia

donne_lavoroAllo scopo di incentivare i contratti di tipo stabile il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha annunciato che in sede di legge di Stabilità il governo valuterà l’ipotesi “di anticipare al 2017 un taglio strutturale del cuneo in modo da rendere meno costoso il lavoro a tempo indeterminato”. Le parole del ministro giungono all’indomani della diffusione dei dati Inps, secondo cui in un anno i contratti a tempo indeterminato sarebbero diminuiti in corrispondenza della riduzione degli sgravi contributivi. Poletti ha inoltre indicato la consistenza, eventuale, della misura. Per il ministro, infatti, il contratto a tempo indeterminato dovrebbe costare all’impresa il 10% in meno rispetto al lavoro a termine. In altre parole ciò che Poletti propone è un taglio decisivo del cuneo fiscale.
Ma cosa è il cuneo fiscale? Si tratta della somma di tutte le imposte (dirette, indirette o sotto forma di contributi) che, a carico dei dipendenti o dei datori di lavoro, incidono sul costo del lavoro stesso: in altre parole il prelievo sulla retribuzione lorda. Stando ai più recenti dati Ocse relativi al 2015, in Italia tale indicatore è tornato a crescere. L’aumento è stato dello 0,76%, attestandosi così al 49%. Circa metà dello stipendio, insomma, è destinata a fisco e previdenza.
La classifica Ocse collocava l’Italia nel 2014 al sesto posto su 34 per il prelievo fiscale sui salari, nel 2015 al quarto. Quello italiano è il secondo maggiore incremento (alle spalle del Portogallo). Dunque a poco è valsa, in realtà, la riduzione del costo del lavoro che l’Eurostat aveva rilevato nell’ultimo trimestre dello scorso anno, attribuibile in larga parte agli sgravi contributivi introdotti con la precedente legge di stabilità.
La situazione è anche peggiore se si osserva la pressione fiscale sulle famiglie. In quelle monoreddito con due figli, cioè in cui lavora solo uno dei genitori, il cuneo risulta in aumento al 39,9% (dal 2007 al 2015 la crescita è di oltre il 4%), ma siamo comunque in terza posizione tra i paesi Ocse per quanto riguarda i nuclei della stessa tipologia in cui lavorano entrambi i genitori.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Export in calo dello 0,1% ad aprile»

«Ad aprile 2018 si stima un lieve aumento congiunturale sia per le esportazioni (+0,1%) sia per le importazioni (+0,7%). La lieve crescita congiunturale dell’export è…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Colombia, presidenziali al centrodestra: vince Duque

Le elezioni presidenziali in Colombia sono state vinte dal candidato di centrodestra Ivan Duque, che ha ottenuto il 54% dei voti. Il suo rivale Gustavo…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, sisma di magnitudo 6.1 a Osaka: tre morti e 100 feriti

un terremoto di magnitudo 6.1 ha fatto tremare il Giappone nell’area di Osaka. Il sisma ha provocato tre vittime e 100 feriti.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,91 dollari al barile e Brent a 72,9 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 63,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 72,9 dollari.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia