In Italia 2,2 milioni di famiglie senza reddito da lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Italia 2,2 milioni di famiglie senza reddito da lavoro

lavoro_imprese-1024x683Oltre due milioni di famiglie senza lavoro e un minore su cinque in condizione di povertà. Questo quanto emerge dall’ultimo rapporto annuale dell’Istat relativo al 2015. In Italia sono 2,2 milioni le famiglie senza redditi da lavoro, nel 2004 erano il 9,4%, nel 2015 la percentuale è salita al 14,2%, mentre nel Mezzogiorno raggiungono il 24,5%, quasi un nucleo famigliare su quattro. La percentuale scende al Nord all’8,2% e all’11,5% al Centro. L’incremento ha interessato le famiglie giovani rispetto a quelle adulte: tra le prime l’incidenza è raddoppiata dal 6,7% al 13%, tra le seconde è passata dal 12,7% al 15,1%. Peggiorata la condizione dei minori, l’incidenza della povertà nel 1997 oscillava intorno all’11-12%, mentre nel 2014 ha raggiunto il 19%. Il rapporto Istat continua evidenziando come il sistema di protezione sociale italiano sia, tra quelli europei, il meno efficace e come la spesa pensionistica comprime il resto dei trasferimenti sociali aumentando così il rischio di povertà. Aumentata anche la disuguaglianza nella distribuzione del reddito da 0,40 a 0,51 tra il 1990 e il 2010 (indice Gini sui redditi individuali lordi da lavoro). Sei giovani su dieci, tra i 18 e i 34 anni vivono ancora a casa dei genitori, in particolare il 68% dei ragazzi e il 57% delle ragazze. Nel 2015 i giovani (15-29 anni) non occupati e non in formazione sono più di 2,3 milioni, aumentati di oltre mezzo milione rispetto al 2008. Raddoppiati i giovani che a tre anni dalla laurea non cercano lavoro, nel 1991 i laureati occupati erano il 77,1%, valore che è sceso al 72% nel 2015, anno nel quale non cercano lavoro circa il 12,5% dei giovani laureati, quasi il doppio di quelli del 1991 (6,6%).
Nel 2015 gli occupati in Italia sono 22,5 milioni, 186mila in più sull’anno (+0,8%). Nel 2015 il contratto a tempo indeterminato è stato il più diffuso: vi hanno fatto ricorso quasi due terzi delle aziende manifatturiere e del terziario. Nonostante l’aumento dei contratti fissi, l’incidenza del lavoro standard sul totale degli occupati è scesa al 73,4% nel 2015 dal 77% del 2008 con 1,3 milioni di occupati in meno. A trainare le assunzioni, in particolare nelle imprese manifatturiere, sono stati gli sgravi contributivi. Infine, nel 2015 minimo storico per le nascite; al 1 gennaio 2016 la stima della popolazione italiana è di 60,7 milioni di residenti (-139mila sull’anno precedente) mentre gli over 64 sono 161,1 ogni 100 giovani con meno di 15 anni. Il nostro Paese è tra i più vecchi al mondo, insieme al Giappone e alla Germania.

 

Scrivi una replica

News

Tria: «Il Governo non mette in discussione l’euro»

«La linea del Governo è che l’euro non è in discussione». Lo ha detto Giovanni Tria, ministro dell’Economia, a chi gli chiedeva quale fosse la…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

S&P: «Il mercato dei bond verdi è cresciuto dell’85% nel 2017»

Michael Wilkins, managing director sustainable finance di Standard & Poor’s, ha sottolineato, nel corso dell’Italian sustainable finance & investments conference, che «il mercato globale dei…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «Theresa May è un partner negoziale affidabile»

«La premier britannica Theresa May è un partner negoziale affidabile per il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker». Lo ha detto lo stesso Jean-Claude Juncker,…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nato: «Non è scontato il legame tra l’Ue e gli Usa»

«I legami fra Europa e Nord America vanno difesi nell’interesse della sicurezza dell’Occidente, ma non sono scontati. Non è inciso sulla pietra che il legame…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia