Le difficoltà dell’Africa sub-sahariana | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le difficoltà dell’Africa sub-sahariana

africa_subsaharianaIl rallentamento della Cina e il calo dei prezzi delle materie prime, non hanno avuto ripercussioni solamente tra le economie avanzate e quelle emergenti (i Brics ad esempio). Ad oggi – al di là dei luoghi comuni e delle criticità intrinseche dell’area – anche l’Africa sub-sahariana presenta notevoli difficoltà. Negli ultimi mesi, spiega infatti il Sace, il continente africano ha messo a segno la crescita più bassa degli ultimi anni, addirittura più bassa di quella registrata nel 2009, anno in cui mezzo mondo è stato interessato dalla crisi economica. Stiamo dunque parlando di un’area in costante rallentamento.
Basti pensare che, mentre il tasso di crescita tra il 2004 ed il 2008 si era attestato al +6,8% (+4,9% quello mondiale), nel 2009-2013 si è registrato un rallentamento al +5% (+3,3% a livello globale). Negli ultimi due anni il dato ha frenato nuovamente fino a portarsi al +3,4% dello scorso anno, la crescita più bassa dal 2000. Le stime indicano per l’anno in corso un ulteriore rallentamento al +3%.
In particolare, si può osservare nel resoconto del Sace, a registrare le maggiori criticità sono quei Paesi che basano la propria economia sul – come definito dalla società del Gruppo Cassa depositi e prestiti – “Fattore C”, rappresentato da almeno uno di questi fattori: Commodity, Cina e Capitali esteri.
Questi tre fattori sono strettamente legati. La Cina è infatti il primo partner commerciale dell’area sub-sahariana. Per alcuni Paesi – come Sierra Leone, Mauritania, Zambia, Angola, Congo, Repubblica Democratica del Congo e Gambia – la quota dell’export verso la Cina supera il 40% dell’export totale (in Sierra Leone il 62%). Va da sé che un rallentamento delle importazioni cinesi dall’Area ha portato forti ripercussioni sulle singole economie.
Anche il fattore Commodity ha giocato un ruolo di tutto rilievo. Tenendo conto che per alcuni Paesi subsahariani il 62% dell’export totale è composto da Commodity energetiche e minerarie (contro il 16% dei beni manufatti e il 10% dei prodotti agricoli), le basse quotazioni del barile e la scarsa domanda di petrolio hanno portato a meno entrate dirette e ad un calo del terzo ”Fattore C”: i Capitali esteri.
Costituite da obbligazioni, prestiti bancari e azioni, i flussi di capitali esteri verso l’Africa Sub-sahariana sono aumentati tra il 2013 ed il 2014, passando d 39 miliardi di dollari a 46 miliardi. Nel 2015, il prezzo basso delle commodity e il rafforzamento del dollaro, hanno comportato un calo a 36 miliardi di dollari.
Il Sace non ha dubbi che questa situazione possa riversarsi anche sui partner commerciali dell’area, come l’Italia. Solo tra il 2014 ed il 2015 l’export italiano verso i Paesi considerati è sceso del 7,9%, fermandosi a 5,7 miliardi di euro e facendo registrare la prima frenata dal periodo 2009-2010. Che i “Fattori C” evidenziati dal Sace siano protagonisti anche della flessione dell’export italiano verso l’area è certificato dai risultati (negativi) che hanno interessato i rapporti tra il nostro Paese e quelle economie più dipendenti dal petrolio: le vendite verso Nigeria, Angola e Repubblica del Congo hanno registrato flessioni comprese tra il 25% ed il 40%. Al contrario, è cresciuto notevolmente l’export verso Costa d’Avorio, Paese “slegato” dall’influenza delle tre “C”: +59%.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Export in calo dello 0,1% ad aprile»

«Ad aprile 2018 si stima un lieve aumento congiunturale sia per le esportazioni (+0,1%) sia per le importazioni (+0,7%). La lieve crescita congiunturale dell’export è…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Colombia, presidenziali al centrodestra: vince Duque

Le elezioni presidenziali in Colombia sono state vinte dal candidato di centrodestra Ivan Duque, che ha ottenuto il 54% dei voti. Il suo rivale Gustavo…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, sisma di magnitudo 6.1 a Osaka: tre morti e 100 feriti

un terremoto di magnitudo 6.1 ha fatto tremare il Giappone nell’area di Osaka. Il sisma ha provocato tre vittime e 100 feriti.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,91 dollari al barile e Brent a 72,9 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 63,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 72,9 dollari.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia