Ancora in calo i prestiti alle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ancora in calo i prestiti alle imprese

soldi-euroMentre nel resto dell’area della moneta unica qualche segnale positivo sul fronte delle credito erogato alle società non finanziarie si è cominciato a vedere, in Italia gli effetti del Quantitative easing e delle altre misure straordinarie della Bce tardano ad arrivare. Secondo il recente studio di Confimprenditori, che ha analizzato, appunto, i dati raccolti dalla Banca centrale europea, l’Italia fa parte di quegli otto Paesi (su i 19 rientranti nell’Eurozona) in cui il credito concesso alle imprese è diminuito tra il 2014 ed il 2015.
Nonostante le misure messe in campo dall’Eurotower – l’acquisto di 60 miliardi al mese (innalzato poi a 80 miliardi di euro) di titoli di Stato con l’intento di garantire la liquidità necessaria al sistema bancario per far allentare il credit crunch – nel nostro Paese si è infatti registrato un -1,4%.
In testa alla classifica dei Paesi che hanno registrato l’aumento più marcato dei prestiti alle società non finanziarie c’è il Lussemburgo con un +8,8% rispetto all’anno precedente. Seguono la Slovacchia, +6,8%, l’Estonia, +6,4% e la Finlandia, +5,2%.
Appena più in basso troviamo poi Lituania, +4,7%; Belgio, +4,4%, Francia, +3,3%; mentre Cipro, Germania, Lettonia e Austria hanno riportato variazioni positive di minore entità: rispettivamente +2%, +1,6%., +1,1% e +0,7%.
Come per il nostro Paese, gli effetti dell’immissione di denaro da parte della Bce sembrano tardare anche in Spagna, dove i prestiti alle imprese sono scesi dell’1%, in Portogallo, dove la Bce ha registrato una flessione del 2,1%, in Olanda, -6%, Grecia, -6,3%; e Slovenia, -7,5%. Le flessioni maggiori hanno interessato Irlanda e Malta, dove si è registrato rispettivamente un -9,7% e un -15,2%.
Dalle elaborazioni pubblicate da Confimprenditori si può notare come la crisi economica abbia colpito in misura diversa le imprese di piccola o media dimensione rispetto a quelle più grandi. Mentre, rispetto al 2008, la percentuale di grandi imprese che ha dichiarato di non aver ottenuto il credito richiesto è diminuita (passando dal 7,7% al 7,2%), il dato relativo alle Pmi è aumentato, passando dall’8,2% all’8,4%. Solo tra il 2007 ed il 2008 tasso di rifiuto per le Pmi è più che raddoppiato: da tre imprese su cento si è passati, nell’arco di dodici mesi a oltre otto su cento.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «Economia più debole del previsto, stimolo significativo ancora necessario»

«A dicembre abbiamo deciso di mettere fine» al Quantitative easing, «fiduciosi che la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo sarebbe progredita». Contemporaneamente «i recenti sviluppi economici sono…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Juncker: «Durante la crisi del debito c’è stata dell’austerità avventata»

Durante la crisi del debito «c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali».…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: permessi di costruire in calo nel secondo trimestre del 2018 (-2% congiunturale)

Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ecotassa, Manley (FCA): «Il piano di investimenti va rivisto»

Parlando dal salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley, ha avvertito che, alla luce del nuovo regolamento introdotto dal governo italiano…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia