Ancora in calo i prestiti alle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ancora in calo i prestiti alle imprese

soldi-euroMentre nel resto dell’area della moneta unica qualche segnale positivo sul fronte delle credito erogato alle società non finanziarie si è cominciato a vedere, in Italia gli effetti del Quantitative easing e delle altre misure straordinarie della Bce tardano ad arrivare. Secondo il recente studio di Confimprenditori, che ha analizzato, appunto, i dati raccolti dalla Banca centrale europea, l’Italia fa parte di quegli otto Paesi (su i 19 rientranti nell’Eurozona) in cui il credito concesso alle imprese è diminuito tra il 2014 ed il 2015.
Nonostante le misure messe in campo dall’Eurotower – l’acquisto di 60 miliardi al mese (innalzato poi a 80 miliardi di euro) di titoli di Stato con l’intento di garantire la liquidità necessaria al sistema bancario per far allentare il credit crunch – nel nostro Paese si è infatti registrato un -1,4%.
In testa alla classifica dei Paesi che hanno registrato l’aumento più marcato dei prestiti alle società non finanziarie c’è il Lussemburgo con un +8,8% rispetto all’anno precedente. Seguono la Slovacchia, +6,8%, l’Estonia, +6,4% e la Finlandia, +5,2%.
Appena più in basso troviamo poi Lituania, +4,7%; Belgio, +4,4%, Francia, +3,3%; mentre Cipro, Germania, Lettonia e Austria hanno riportato variazioni positive di minore entità: rispettivamente +2%, +1,6%., +1,1% e +0,7%.
Come per il nostro Paese, gli effetti dell’immissione di denaro da parte della Bce sembrano tardare anche in Spagna, dove i prestiti alle imprese sono scesi dell’1%, in Portogallo, dove la Bce ha registrato una flessione del 2,1%, in Olanda, -6%, Grecia, -6,3%; e Slovenia, -7,5%. Le flessioni maggiori hanno interessato Irlanda e Malta, dove si è registrato rispettivamente un -9,7% e un -15,2%.
Dalle elaborazioni pubblicate da Confimprenditori si può notare come la crisi economica abbia colpito in misura diversa le imprese di piccola o media dimensione rispetto a quelle più grandi. Mentre, rispetto al 2008, la percentuale di grandi imprese che ha dichiarato di non aver ottenuto il credito richiesto è diminuita (passando dal 7,7% al 7,2%), il dato relativo alle Pmi è aumentato, passando dall’8,2% all’8,4%. Solo tra il 2007 ed il 2008 tasso di rifiuto per le Pmi è più che raddoppiato: da tre imprese su cento si è passati, nell’arco di dodici mesi a oltre otto su cento.

 

Scrivi una replica

News

Tecnè e la redazione di T-Mag augurano una felice Pasqua a tutti i lettori

L’istituto di ricerca Tecnè e la redazione di T-Mag augurano una felice Pasqua a tutti i lettori. Vi diamo appuntamento al 23 aprile, quando riprenderemo…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Parigi esclude intervento militare per risolvere la crisi

«Non è possibile pensare a nessuna soluzione militare nella crisi in Libia, solo con il dialogo politico si può arrivare alle elezioni». Lo ha detto…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Europee, Mattarella: «Il vento del sovranismo non minaccerà l’esistenza dell’Ue»

«Il vento del sovranismo non minaccerà l’esistenza dell’Ue». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo nel corso di un’intervista Politique Internationale. «Vi…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina, Weibo censura Leica per uno spot che cita le proteste di piazza Tienanmen

Weibo – una piattaforma di microblogging cinese – ha censurato Leica, la società tedesca di macchine fotografiche, a causa di uno spot in cui venivano…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia