Lʼaumento di occupati riguarda soprattutto i servizi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lʼaumento di occupati riguarda soprattutto i servizi

fatturato_serviziUn migliore andamento del mercato del lavoro è stato rilevato nel 2015 in tutti i settori di attività economica (non solo in Italia), ma è nei servizi che si è osservata la maggiore crescita occupazionale. Questo segmento, infatti, è l’unico in cui i livelli hanno superato quelli del 2008. L’incremento – come spiega l’Istat nel Rapporto annuale 2016 – ha interessato soprattutto le attività finanziarie e assicurative, gli alberghi e ristorazione e i servizi alle imprese. Entrando poi nello specifico si scopre che l’incremento dell’occupazione dell’ultimo anno riguarda tutti i raggruppamenti professionali, a parte operai e artigiani che invece hanno registrato un calo dello 0,4%. Nelle professioni non qualificate è inoltre proseguita la risalita dell’occupazione (+1,6% nell’ultimo anno e +21% dal 2008, precisa l’Istat), ma anche tra quelle esecutive nel commercio e nei servizi (+1,1% nell’ultimo anno e +9,9%). Sempre nel 2015 va poi considerata la crescita delle professioni qualificate (+83 mila persone, l’1,1% in più in confronto al 2014).
Si tratta piuttosto di un recupero, comunque importante, vista la variazione negativa dal 2008 (-7,7%). Tuttavia l’incremento delle professioni qualificate nell’ultimo anno ha riguardato soprattutto gli uomini e, tra i comparti, le attività assicurative e finanziarie e i servizi alle imprese. Allo stesso modo la crescita delle professioni non qualificate ha compreso quasi esclusivamente gli uomini, italiani e stranieri, in particolare nei servizi alle imprese, nei trasporti e magazzinaggio, negli alberghi e ristoranti e in agricoltura.
L’aumento dell’occupazione si riflette così su tutte le figure presenti nel mercato del lavoro. Il lavoro standard, a tempo pieno e durata non determinata, che durante la crisi aveva evidenziato una contrazione certo non indifferente, ora rileva un incremento dello 0,4% (+65 mila unità rispetto al 2014), soprattutto tra i dipendenti. Ma nel confronto con il 2008, anno di inizio della crisi, l’incidenza del lavoro standard sul totale dell’occupazione è scesa dal 77 al 73,4%.
Tra gli autonomi l’incremento è concentrato esclusivamente tra coloro che hanno personale alle dipendenze, soprattutto nelle attività finanziarie e assicurative e i servizi alle imprese. Infine, osserva l’Istat, “tra gli autonomi risultano in aumento sia le professioni qualificate sia quelle non qualificate, mentre tra i dipendenti crescono soprattutto quanti svolgono una professione esecutiva nel commercio e nei servizi”. Operai e artigiani, al contrario, sono diminuiti sia tra i dipendenti sia tra gli autonomi.
I lavoratori autonomi sono stati tra i più colpiti dalla crisi economica. Secondo uno studio Confesercenti tra il 2007 e il 2015 sono diminuiti del 10%. E secondo la Cgia di Mestre (che includeva tra gli autonomi i piccoli imprenditori, gli artigiani, i commercianti, i liberi professionisti e i coadiuvanti familiari) nel corso del 2014 il 24,9% delle famiglie, con reddito principale quello da lavoro autonomo, ha vissuto con una disponibilità economica inferiore a 9.455 euro annui.

 

Scrivi una replica

News

Pensioni, Di Maio: «L’Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano»

«L’OCSE non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il governo democraticamente legittimato sta portando avanti. Il superamento della legge Fornero è nel…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, vertice straordinario il 17 e il 18 novembre

Il vertice straordinario sulla Brexit si terrà il 17 e il 18 novembre. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, citando «fonti europee». Ieri, mercoledì 19…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Nessun problema sul decreto sicurezza e immigrazione: lunedì in Cdm»

«Sul decreto migrazione non c’è nessun problema: il Cdm slitta perché fare la riunione senza premier e vicepremier mi sembrava di votarmi da solo il…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Ocse: «Importante non disfare la riforma Fornero»

«Quando parliamo di riforma delle pensioni, penso sia importante non disfare la riforma Fornero». Lo ha detto la capoeconomista dell’OCSE, Laurence Boone, replicando a una…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia