Ripresa lenta, giù anche i consumi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ripresa lenta, giù anche i consumi

consumi_crisi_economicaAlla luce ultime rilevazioni dell’Istat si può dire che marzo sia stato un mese da dimenticare in un’ottica di ripresa economica come quella auspicata per l’Italia. Già i dati relativi al fatturato dell’industria, diffusi mercoledì dall’Istituto, lasciavano infatti a desiderare, oggi una nuova doccia gelata arriva dal commercio. A marzo 2016, infatti, le vendite al dettaglio sono diminuite dello 0,6% in valore e dello 0,8% in volume rispetto al mese precedente. A pesare maggiormente è stata la flessione dei generi alimentari, -1,2%, contro un calo più limitato dei prodotti non alimentari, -0,3%. Nell’arco del trimestre gennaio-marzo si può notare un leggero progresso dei volumi (0,1%) e una variazione nulla rispetto al trimestre ottobre-dicembre per quanto riguarda invece il valore delle vendite.
Tuttavia, a livello tendenziale – quindi rispetto a marzo 2015 – l’Istituto nazionale di statistica ha registrato un progresso del valore delle vendite al dettaglio pari a 2,2 punti percentuali e un +1,9% del valore. Il contributo maggiore è stato dato dalle vendite alimentari, +3,7% in valore e +4,2% in volume contro il +1,3% registrato dal valore e il +0,5% registrato dai volumi delle vendite di prodotti non alimentari.
Tornando al dato congiunturale, si può notare come le rilevazioni dell’Istat abbiano confermato, in parte, quanto già osservato dalla congiuntura su Consumi e Prezzi della Confcommercio. Secondo l’ICC (Indicatore dei Consumi Confcommercio) i consumi italiani sono diminuiti dello 0,4% a marzo, segnando però un +1,5% tendenziale.
Si tratta di un andamento che da un lato, per dirla con le parole della Confcommercio, “evidenzia la tendenza al recupero dei livelli di consumo da parte delle famiglie”, ma che allo stesso tempo fa emergere le difficoltà che la domanda ha nell’instradarsi “su un sentiero di sicura crescita”.
Non a caso a marzo l’Istat ha rilevato dei peggioramenti anche del sentiment dei consumatori. Se l’indice generale è cresciuto infatti di 0,5 punti, i giudizi sulla situazione economica della famiglia sono peggiorati, come sono peggiorati anche i giudizi sul bilancio familiare.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia