Migliorano i tempi di pagamento delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliorano i tempi di pagamento delle imprese

soldi-euroNel 2016 dovrebbero diminuire tanto i giorni di incasso per un credito quanto i casi di insolvenza aziendale, confermando un trend in atto dallo scorso anno. Lo sostiene il Report Mancati Pagamenti di Euler Hermes, società del gruppo Allianz, secondo cui il miglioramento registrato in Italia nel 2016 sarà tra i più significativi a livello mondiale. Tuttavia, per quanto in calo, il numero delle insolvenze attese quest’anno dovrebbe restare al di sopra dei livelli precedenti la crisi economica: nel 2016 Euler Hermes prevede 13.500 casi, pari al doppio rispetto a quelli certificati nel 2007.
I primi segnali di ripresa economica – nel 2015 il Prodotto interno lordo italiano è tornato a crescere, dopo tre anni di recessione (+0,8% su base annua) – hanno influenzato positivamente le performance delle imprese italiane.
L’allentamento della stretta creditizia – da dicembre 2011 a febbraio 2016 il credito alle imprese si è ridotto di 112 miliardi di euro (dati CNA) – hanno aiutato le imprese di ridurre lievemente i tempi di pagamento. Nel 2015 i giorni di incasso per un credito (DSO) sono diminuiti: lo scorso anno, le imprese hanno impiegato mediamente 95 giorni per saldare quanto dovuto, un giorno in meno rispetto al 2014 e otto in meno rispetto al picco raggiunto nel 2013. Il rapporto prevede un ulteriore diminuzione per quest’anno, i DSO dovrebbero scendere a 94.
La riduzione dei tempi di pagamento delle imprese era stata osservata anche dal CERVED, che indicava nella crisi economica una delle cause principali: la recessione ha costretto le imprese più fragili ad uscire dal mercato e convinto i fornitori a concedere credito commerciale con maggiore cautela. Il risultato? Il tessuto imprenditoriale italiano è uscito dalla crisi economica con un numero inferiore di aziende, ma più virtuose, che pagano i fornitori con maggiore regolarità.

 

Scrivi una replica

News

Conte: «Serve una gestione condivisa per i migranti»

«Il Consiglio europeo arriva in un momento in cui i cittadini attendono dall’Ue risposte concrete. Le elezioni europee porteranno a una nuova Commissione: dovremo lavorare…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Bisogna ridurre il gap di crescita con l’Ue»

«È fondamentale per il nostro Paese ridurre il gap di crescita con l’Ue orientando la spesa verso equilibrio e stabilità». Così il primo ministro, Giuseppe…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «L’austerity non è più percorribile»

«L’Italia è fondatore Ue e contributore netto: forte di questa posizione andiamo a Bruxelles con una manovra economica di cui siamo orgogliosi e su cui…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «L’appartenenza dell’Italia all’Ue è parte irrinunciabile del programma»

«L’appartenenza all’Europa è parte irrinunciabile del programma di miglioramento della condizione socio-economica dei cittadini italiani ed europei». Lo ha affermato in Aula al Senato, il…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia