Lavoro: più occupati, meno inattivi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: più occupati, meno inattivi

Contestualmente ad aprile il tasso di disoccupazione è salito all'11,7%. I dati Istat

disoccupazione_giovanile_lavoroCresce il numero di occupati e aumenta il tasso di disoccupazione: è sintomatico di una maggiore partecipazione al mercato del lavoro, un dato in definitiva positiva. Spiega infatti l’Istat che dopo l’aumento registrato a marzo (+0,3%) la stima degli occupati ad aprile sale dello 0,2% (+51 mila persone occupate). L’aumento riguarda sia i dipendenti (+35 mila i permanenti, stabili quelli a termine) sia gli indipendenti (+16 mila). La crescita dell’occupazione coinvolge uomini e donne e riguarda tutte le classi d’età ad eccezione dei 35-49enni. Il tasso di occupazione, pari al 56,9%, aumenta di 0,2 punti percentuali sul mese precedente. I movimenti mensili dell’occupazione determinano, nel periodo febbraio-aprile, un aumento complessivo degli occupati (+0,2%, pari a +35 mila) rispetto ai tre mesi precedenti. L’unica componente che mostra un calo congiunturale è quella dei dipendenti a termine (-0,6%, pari a -14 mila).
Dopo il calo di marzo (-1,7%) – prosegue la nota dell’Istat – la stima dei disoccupati ad aprile sale dell’1,7% (+50 mila), tornando al livello di febbraio. L’aumento è attribuibile alle donne (+4,2%), mentre si registra un lieve calo per gli uomini (-0,4%). Il tasso di disoccupazione è pari all’11,7%, in aumento di 0,1 punti percentuali su marzo.
Ad aprile si osserva una consistente crescita della partecipazione al mercato del lavoro determinata dall’aumento contemporaneo di occupati e disoccupati e un corrispondente forte calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,8%, pari a -113 mila). La diminuzione riguarda uomini e donne e si distribuisce tra tutte le classi d’età. Il tasso di inattività scende al 35,4% (-0,3 punti percentuali).
Nel trimestre febbraio-aprile l’aumento degli occupati (+0,2%, pari a +35 mila) è associato ad un calo dei disoccupati (-0,2%, pari a -5 mila) e degli inattivi
(-0,6%, pari a -78 mila).
Su base annua si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+1,0%, pari a +215 mila). La crescita è interamente attribuibile ai dipendenti permanenti (+1,9%, pari a +279 mila occupati a tempo indeterminato), mentre sono in calo sia i dipendenti a termine sia gli indipendenti. Nello stesso periodo calano i disoccupati (-3,0%, pari a -93 mila) e, soprattutto, gli inattivi (-2,1%, pari a -292 mila).
Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni), cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), è pari al 36,9%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente. Va però ricordato che “dal calcolo del tasso di disoccupazione sono per definizione esclusi i giovani inattivi, coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi”. L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,8% (cioè meno di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza è in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto a marzo. Nell’ultimo mese anche tra i 15-24enni cresce di 0,2 punti percentuali il tasso di occupazione mentre diminuisce di 0,4 punti quello di inattività.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Mattarella: «L’Europa deve fare di più sui rifugiati»

«La tragedia dei rifugiati donne, uomini e bambini costretti ad abbandonare le proprie case in cerca di un luogo dove poter vivere è oggi sempre…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Canada, legalizzata la marijuana per uso ricreativo

Il Canada ha approvato la legge che legalizza la marijuana per uso ricreativo. La legge ha ricevuto 52 voti favorevoli e 29 contrari.…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 65,5 dollari al barile e Brent a 75,37 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 65,5 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 75,37 dollari.…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 218,8 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 218,8 punti.…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia