Negozi in difficoltà, crescono le attività senza sede fissa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Negozi in difficoltà, crescono le attività senza sede fissa

negozioIl 2016 è iniziato in modo positivo per i venditori a domicilio, che non sembrano risentire del generale calo dei consumi delle famiglie italiane registrato negli ultimi anni e che invece ha avuto un impatto negativo sui negozi tradizionali.
Secondo Univendita – l’associazione che raggruppa le imprese attive nel comparto, che impiegano complessivamente 140.700 venditori –, il giro d’affari delle vendite a domicilio è cresciuto (ininterrottamente) dal 2010 ad oggi. Soltanto nel primo trimestre del 2016, il fatturato è aumentato del 2,8% rispetto ai tre mesi precedenti, raggiungendo i 407,6 milioni di euro. Un risultato positivo in un periodo non particolarmente felice per buona parte dei commercianti.
Stando a uno studio dell’Osservatorio Confesercenti sui dati ISTAT, nei primi due mesi del 2016 oltre 12mila negozi hanno chiuso i battenti (a fronte di 3.156 aperture). I motivi sono diversi, sottolinea Confesercenti. Secondo cui, oltre all’incerta situazione economica attuale, i piccoli negozi stanno vivono momenti di difficoltà a causa anche della liberalizzazione degli orari, “che ha favorito la grande distribuzione”. Inoltre, Confesercenti osserva che altri fattori (il caro affitti, l’incremento di imposte e tariffe) stanno spingendo il commercio “verso la strada e il web”: nel 2015 il commercio ambulante di prodotti vari ha registrato 9.705 iscrizioni.
Quanto registrato nei primi due mesi del 2016 è in linea con il trend registrato negli ultimi anni. Secondo Confesercenti, dal 2011 al 2015 il commercio in sede fissa, la ristorazione ed il servizio bar hanno registrato circa 207mila aperture e 346mila chiusure, per un saldo negativo di poco meno di 140mila attività. Solo nel 2015, seppure meno consistente rispetto a quello rilevato nel 2014 (-34mila), il saldo tra aperture (36.757) e chiusure (65.824) di negozi, bar e ristoranti è stato negativo (-29mila unità). Probabilmente il calo dei consumi ha influito parecchio.
Secondo il Rapporto 2015 – I consumi delle famiglie della Filcams CGIL in collaborazione con l’istituto di ricerca Tecnè e la Fondazione Di Vittorio, nel 2015 la spesa mensile delle famiglie è risultata inferiore rispetto ai livelli del 2008: le famiglie italiane hanno speso mediamente 1.440 euro al mese per mangiare, le spese per l’abitazione e i pasti fuori casa (il 2% in meno rispetto al 2008), 264 euro per vestirsi, prendersi cura di sé e andare in vacanza (-18,5%), 293 euro per muoversi in città, viaggiare e comunicare (-9,6%), 126 euro per le cure mediche, l’istruzione e l’informazione (-10%) e 208 euro per le altre spese (-9,6%).

 

Scrivi una replica

News

Via libera della Camera alla prosecuzione delle missioni internazionali per il 2018

La Camera dei deputati ha dato il suo via libera alla prosecuzione per il 2018 delle missioni internazionali, compresa quella nel Niger. Ha votato a…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, i colloqui di pace riprenderanno a Vienna il 25 gennaio

I colloqui di pace per la Siria riprenderanno a Vienna il 25 e 26 gennaio. Lo ha reso noto l’inviato speciale delle Nazioni Unite nel…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Antonio Patuelli confermato presidente dell’Abi

Antonio Patuelli è stato confermato presidente dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana. Lo ha deciso all’unanimità il comitato esecutivo dell’ABI. Patuelli resterà in carica fino all’estate 2020.…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: “Ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno”

L’ambasciata statunitense potrebbe essere trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme “molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno da oggi”. Lo ha…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia