Negozi in difficoltà, crescono le attività senza sede fissa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Negozi in difficoltà, crescono le attività senza sede fissa

negozioIl 2016 è iniziato in modo positivo per i venditori a domicilio, che non sembrano risentire del generale calo dei consumi delle famiglie italiane registrato negli ultimi anni e che invece ha avuto un impatto negativo sui negozi tradizionali.
Secondo Univendita – l’associazione che raggruppa le imprese attive nel comparto, che impiegano complessivamente 140.700 venditori –, il giro d’affari delle vendite a domicilio è cresciuto (ininterrottamente) dal 2010 ad oggi. Soltanto nel primo trimestre del 2016, il fatturato è aumentato del 2,8% rispetto ai tre mesi precedenti, raggiungendo i 407,6 milioni di euro. Un risultato positivo in un periodo non particolarmente felice per buona parte dei commercianti.
Stando a uno studio dell’Osservatorio Confesercenti sui dati ISTAT, nei primi due mesi del 2016 oltre 12mila negozi hanno chiuso i battenti (a fronte di 3.156 aperture). I motivi sono diversi, sottolinea Confesercenti. Secondo cui, oltre all’incerta situazione economica attuale, i piccoli negozi stanno vivono momenti di difficoltà a causa anche della liberalizzazione degli orari, “che ha favorito la grande distribuzione”. Inoltre, Confesercenti osserva che altri fattori (il caro affitti, l’incremento di imposte e tariffe) stanno spingendo il commercio “verso la strada e il web”: nel 2015 il commercio ambulante di prodotti vari ha registrato 9.705 iscrizioni.
Quanto registrato nei primi due mesi del 2016 è in linea con il trend registrato negli ultimi anni. Secondo Confesercenti, dal 2011 al 2015 il commercio in sede fissa, la ristorazione ed il servizio bar hanno registrato circa 207mila aperture e 346mila chiusure, per un saldo negativo di poco meno di 140mila attività. Solo nel 2015, seppure meno consistente rispetto a quello rilevato nel 2014 (-34mila), il saldo tra aperture (36.757) e chiusure (65.824) di negozi, bar e ristoranti è stato negativo (-29mila unità). Probabilmente il calo dei consumi ha influito parecchio.
Secondo il Rapporto 2015 – I consumi delle famiglie della Filcams CGIL in collaborazione con l’istituto di ricerca Tecnè e la Fondazione Di Vittorio, nel 2015 la spesa mensile delle famiglie è risultata inferiore rispetto ai livelli del 2008: le famiglie italiane hanno speso mediamente 1.440 euro al mese per mangiare, le spese per l’abitazione e i pasti fuori casa (il 2% in meno rispetto al 2008), 264 euro per vestirsi, prendersi cura di sé e andare in vacanza (-18,5%), 293 euro per muoversi in città, viaggiare e comunicare (-9,6%), 126 euro per le cure mediche, l’istruzione e l’informazione (-10%) e 208 euro per le altre spese (-9,6%).

 

Scrivi una replica

News

Banche, Di Maio: «Il sistema bancario per la sua arroganza»

«Il sistema bancario la deve pagare perché ha avuto un atteggiamento arrogante infischiandosene dei risparmiatori e dello Stato ed è stato protetto da ambienti politici…

17 Lug 2018 / 3 Commenti / Leggi tutto »

Tria: «Nel 2018 l’economia italiana potrebbe crescere dell’1,5% circa»

L’economia italiana può chiudere il 2018 «con una crescita non lontana da quella programmata» nel Documento di economia e finanza, pari al +1,5%. Lo ha…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il 25 luglio Juncker incontrerà Trump a Washington

«Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker si recherà a Washington mercoledì 25 luglio dove sarà ricevuto dal presidente Trump alla Casa Bianca». Lo rende…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Da inizio 2018 morti 1.443 migranti nel mar Mediterraneo

Dal 1° gennaio al 15 luglio 2018, 50.872 migranti hanno raggiunto l’Europa via mare. Lo rende noto l’OIM, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Mentre sono…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia