Lʼandamento dellʼindustria del lusso | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lʼandamento dellʼindustria del lusso

scarpe_borse_lussoNonostante le difficoltà economiche l’industria del lusso è uno dei segmenti che meglio ha retto l’impatto della crisi. Lo dimostrano i dati che, negli anni, si sono susseguiti: mentre alcuni settori di attività economica o specifici comparti registravano vendite e fatturati in calo, l’industria del lusso registrava al contrario valori in crescita.
Al nostro paese appartiene quasi un terzo del lusso mondiale (che vale 222 miliardi di dollari di fatturato generato dalle vendite dei primi cento gruppi al mondo, +3,6%). In altre parole l’Italia, con 29 aziende nella “top 100”, è il primo paese per numero di aziende nel settore.
La classifica è stata stilata da Deloitte, nel consueto rapporto Global Powers of Luxury Goods. Tuttavia, viene anche spiegato, le aziende italiane contribuiscono in quota inferiore sul fatturato: solo il 17% legato ai i beni di lusso della “top 100”. Il motivo? La struttura delle società che operano in questo segmento è a carattere soprattutto familiare (24 su 29 aziende) e la dimensione più ridotta (1,3 miliardi di dollari di ricavi dalle vendite rispetto, ad esempio, ai 5,2 miliardi di dollari delle aziende francesi). Ad allargare l’orizzonte c’è un ulteriore “però”.
Se negli anni della crisi si è assistito ad una rapida risalita dopo un calo fisiologico dettato dall’avvio della crisi economica (già nel 2010 era stata rilevata un’importante crescita del fatturato e, ancora nel 2014, il settore chiudeva l’anno in positivo), di recente il rallentamento globale e degli emergenti in particolare pare stia avendo ripercussioni sull’industria del lusso. A preoccupare, infatti, è anche l’andamento dei cambi.
Nel 2015 i risultati sono stati comunque soddisfacenti sebbene il trend dell’Asia non proprio esaltante, ma i dubbi riguardano anche la struttura del mercato. Si ricorre sempre più spesso all’e-commerce che, insieme alla crescita del turismo, favorisce una maggiore attenzione dei consumatori sui prezzi, condizionandone i comportamenti.
Secondo il Monitor Bain/Altagamma, il mercato globale dei beni personali di alta gamma nel 2015 si è attestato su un valore di 253 miliardi di euro, in crescita del +13% a tassi correnti (del +1% a tassi costanti). Nel primo trimestre del 2016 il mercato ha mantenuto sostanzialmente lo stesso ritmo. La crescita per i prossimi anni, insomma, è attesa ad un tasso moderato (tasso medio annuo del 2-3%) e si punta molto sul traino della Cina e dei consumatori cinesi.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia