In ripresa il settore agricolo nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

In ripresa il settore agricolo nel 2015

agricolturaNel corso del 2015 l’Istat ha osservato una ripresa del valore aggiunto generato dal settore agricolo. Le rilevazioni mostrano infatti un progresso del 5,6% a prezzi correnti e del 3,8% in volume. In valore assoluto si parla di 33,1 miliardi di euro: il 2,3% del valore aggiunto nazionale. Nel complesso l’agroalimentare, che comprende anche l’industria alimentare, ha riportato un progresso del valore aggiunto di 4,2% in valori correnti e del 2,3% in volume. I dati dell’Istituto nazionale indicano poi una crescita della produzione dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca pari al 2%, una dinamica che, accompagnata da un calo dei prezzi dei prodotti venduti dello 0,5%, ha contribuito all’aumento dei valori correnti dell’1,5%. Il connubio tra il calo dei mezzi tecnici acquistati dagli agricoltori – pari al -0,3%, – e il forte calo dei prezzi all’acquisto – pari al -3,3% – ha invece generato un calo dei costi intermedi del 3,6%.
La ripartizione territoriale certifica un aumento sia della produzione agricola che del valore aggiunto in quasi tutte le aere del Paese, ad eccezione del Nord-Ovest (dove la produzione ha riportato un -1,1% e il valore aggiunto un -1%). La crescita più sostenuta ha interessato il Sud, dove la produzione ha segnato un +5,9% e il valore aggiunto un +9,6%. Le isole hanno invece riportato, rispettivamente, un +3% e un +5,1%, il Centro un +3,5% e un +5,7%, mentre nel Nord-Est la produzione è cresciuta di un lieve +0,3% e il valore aggiunto dello 0,8%.
Dal punto di vista occupazionale lo scorso anno, rispetto al precedente, le unità di lavoro (Ula) hanno registrato una crescita del 2,2%. Solo nell’industria alimentare si è registrato un incremento dello 0,7%. In particolare, la crescita osservata nel settore agricolo, è stata dettata maggiormente dall’aumento delle unità di lavoro dipendenti, +2,8%, e in misura minore dalla crescita delle unità di lavoro indipendente, interessate da un +1,9%. Bisogna comunque sottolineare che il settore agricolo presenta un tasso di irregolarità delle unità di lavoro superiore alla media dell’insieme dell’economia: 17,6% contro il 15%.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Di Maio: «L’Italia non ratificherà il Ceta»

L’Italia non ratificherà il CETA, il trattato di libero scambio negoziato tra Canada e Unione europea. Così il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro,…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Regno Unito e Stati Uniti stringeranno un accordo di libero scambio»

Stati Uniti e Regno Unito creeranno un’area di libero scambio. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Donald J.Trump, intervenendo in occasione del suo incontro con…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Bankitalia: «A maggio debito pubblico in aumento a 2.327 miliardi»

A maggio 2018, il debito pubblico italiano ha raggiunto i 2.327 miliardi di euro. Lo rende noto la Banca d’Italia attraverso la diffusione del supplemento…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bitcoin, Uif: «La criminalità organizzata si serve anche delle valute virtuali»

La criminalità organizzata si serve anche delle «valute virtuali» per «il reinserimento dei proventi illeciti nell’economia regolamentata». Così il direttore della Unità di informazione per…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia