Export cinese ancora in calo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export cinese ancora in calo

export2I tentennamenti della Fed e la crescita fragile dell’Eurozona, si è visto ancora di recente, derivano dal rallentamento delle economie emergenti e dalle difficoltà cinesi in particolare. Entrambe le situazioni, sottolinea l’Istat nella consueta nota mensile, sono alla base del deludente andamento del commercio mondiale.
Una circostanza che viene ancora confermata dagli ultimi dati sull’export della Cina, che sono tornati in territorio negativo, mostrando perciò un andamento altalenante. Esportazioni e importazioni sono scese di nuovo a maggio a causa della domanda globale in diminuzione, ma anche di quella interna.
Il calo è stato rispettivamente del 4,1% (a 181,1 miliardi di dollari) e dello 0,4% (a 131,1 miliardi), il surplus si attesta a 50 miliardi dai 45,6 di aprile (-1,8% export e -10,9% import). Finora il modello di crescita di Pechino si era basato principalmente sulle esportazioni, così come il Giappone e altre realtà asiatiche.
Di recente, invece, la Cina ha cominciato ad adottare misure che dovrebbero favorire la domanda interna (consumi e investimenti), ma le difficoltà che sta incontrando nel riequilibrio della propria economia è uno dei principali timori della Fed, legati cioè ad eventuali ulteriori stimoli ritenuti necessari dalle autorità cinesi.
Dall’Asia, però, arrivano spiragli positivi, che interessano il Giappone. L’economia giapponese continua a crescere: nel primo trimestre del 2016 il Pil è aumentato dell’1,9% quando nella stima preliminare era stato indicato +1,7%. Nel confronto con il trimestre precedente la crescita è stata dello 0,5%.
Tale aumento è stato determinato soprattutto dalla domanda interna, con un miglioramento (quasi inaspettato) dei consumi (+0,5%) e della spesa pubblica. Il contributo positivo è giunto anche dalle esportazioni, ma le importazioni sono in calo (a dimostrazione dei consumi che, nel complesso, restano deboli).

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, ipotesi contratti a tempo determinato più cari

I contratti a tempo determinato potrebbero essere più cari. È quanto si apprende da ambienti vicini al dossier, l’ipotesi è per ottenere l’obiettivo di incentivare…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Kim Jong Un è un pazzo che verrà messo alla prova”

Il dittatore della Corea del Nord è “un pazzo”. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il giorno dopo aver…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran, Rohani: “Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente”

“Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente. Rafforzeremo le nostre capacità missilistiche”. Lo ha detto il presidente iraniano, Hassan Rohani, in un discorso trasmesso dalla…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Messico, sale a 286 il bilancio delle vittime

Sale a 286 il bilancio delle vittime del terremoto in Messico. Lo ha reso noto il responsabile della Protezione Civile messicana. 148 persone sono morte…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia