I posti di lavoro persi durante la crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

I posti di lavoro persi durante la crisi

sicurezza_sul_lavoroL’aumento occupazionale registrato lo scorso anno – secondo l’ISTAT, nel 2015 il tasso di occupazione è aumentato dello 0,84% su base annua – non ha permesso di recuperare i tanti posti di lavoro persi negli anni della crisi.
Una ricerca dell’Ufficio Studi di Confcommercio ricorda che, tra il 2008 e il 2014, la crisi economica ha bruciato complessivamente oltre un milione e 800mila posti di lavoro, la maggior parte dei quali nelle regioni meridionali del Paese.
Confrontando i dati sull’occupazione relativi al 2015 con quelli del 2007, il Centro Studi ImpresaLavoro ha osservato che la crisi economica ha aumentato ulteriormente il divario tra le aree economicamente più avanzate e il Mezzogiorno: tra tutte le provincie meridionali, Brindisi è l’unica ad avere un saldo (leggermente) positivo, con 591 posti di lavoro in più rispetto al 2007. Non che nel resto del Paese le cose vadano tanto meglio: il numero degli occupati è inferiore rispetto al periodo pre-crisi in 72 province italiane su 110.
La crescita dell’occupazione registrata nel 2015 dovrebbe proseguire anche quest’anno, seppure a ritmi inferiori. Secondo le previsioni elaborate da Prometeia e diffuse nel marzo scorso, nel 2016 l’occupazione aumenterà dello 0,4% (contro lo 0,84% in più su base annua dell’anno precedente) mentre il tasso di disoccupazione – ovvero il rapporto tra chi è alla ricerca di un impiego e la forza lavoro – dovrebbe oscillare intorno all’11,5%. Le cose dovrebbero andare bene anche l’anno successivo.
Prometeia osserva che il consolidamento della ripresa economica – secondo le ultime stime di Bankitalia, il Prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe crescere sia nel 2016 (+1,1%) che nel 2017 (1,2%) – incentiverà un ulteriore incremento dell’occupazione anche nel 2017 e eviterà, allo scadere degli incentivi nel 2018, che non si verifichi un contraccolpo negativo.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia