I numeri dell’autonoleggio e car sharing | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri dell’autonoleggio e car sharing

mercato_autoAnche l’Audi starebbe pensando ad una serie di servizi legati alla mobilità in stile Uber. Il numero uno dell’azienda tedesca, Rupert Stadler, lo dice al Sole 24 Ore, mostrando interesse verso i cambiamenti che stanno interessando l’industria automobilistica. In effetti il settore sta attraversando una fase di decisa ripresa, sostenuta anche dai recenti processi innovativi. Se il mercato dell’auto sta registrando un’inversione di tendenza rispetto agli anni della crisi economica – in Italia e in Europa, come riferiscono anche gli ultimi dati – in parte dipende dalle novità che riguardano il settore. In un primo momento (ciò è vero specialmente in Italia) la risalita del mercato è stata trainata soprattutto dalla necessità del rinnovo del parco auto, ora le auto elettriche – che stanno progressivamente occupando quote importanti di mercato – e i nuovi modelli di business legati, ad esempio, alla sharing economy stanno contribuendo alla ripresa dell’intero comparto.
I numeri dell’ultimo rapporto Aniasa fanno emergere l’ottimo stato di salute del segmento autonoleggio: fatturato a 5,5 miliardi di euro nel 2015 (+5,7%), raggiunta quota 730 mila veicoli (+7%), 317 mila veicoli immatricolati (+18%), una quota di mercato pari al 19%. Nei primi tre mesi del 2016, poi, si evidenzia un aumento delle immatricolazioni dell’8,8%.
Un capitolo a parte merita il car sharing, anche se Aniasa sottolinea come sia più appropriato parlare di vehicle sharing, dato che il settore non si limita alle sole auto. Il car sharing, ad ogni modo, è tra i segmenti della sharing economy più apprezzati nel nostro paese. Tramite questa modalità è possibile usufruire di una vettura su prenotazione (rintracciabile, di solito, tramite un’app) e di pagare per l’utilizzo (pay per use).
Il principio della sharing economy, infatti, consiste in un modello economico che promuove nuove forme di consumo orientate all’utilizzo e non all’acquisto di un bene o servizio. In Italia sarebbero 647 mila gli iscritti a servizi di car sharing e 4.400 i veicoli, un’alternativa al possesso dell’auto. Un modello di business che, a quanto pare, inizia a fare gola anche alle grandi case automobilistiche.

 

Scrivi una replica

News

Francia, a settembre sale a 57,2 punti l’indice Pmi composito

Sale a 57,2 punti l’indice Pmi composito della Francia nel mese di settembre. Ad agosto si era attestato a 55,2 punti.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice composito sale a 57,8 punti a settembre

In Germania, l’indice composito nel mese di settembre, ha registrato una crescita a 57,8 punti dai 55,8 di agosto.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indice Pmi composito sale a 56,7 punti a settembre, oltre le attese

Stando ai dati rilevati da Markit Economics, l’indice Pmi composito, sale a 56,7 punti nel mese di settembre, dai 55,7 di agosto, mentre le stime…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Pil del 2016 confermato al +0,9%, ma peggiora il deficit”

“I dati qui presentati incorporano la revisione dei conti nazionali relativa al biennio 2015-2016, effettuata per tenere conto delle informazioni acquisite dall’Istat successivamente alla stima…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia