L’economia britannica prima del voto | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’economia britannica prima del voto

"Leave" o "Remain": il 23 giugno è in programma il referendum su Brexit, ovvero l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea

david_cameronIl tasso di disoccupazione del Regno Unito si attesta al 5% – decimale più, decimale meno –, raggiungendo valori ai minimi in circa un decennio. Il numero degli occupati nel trimestre (fino ad aprile) è cresciuto di oltre 50 mila unità in un anno mentre in aumento, di oltre due punti percentuali, risultano i salari. Se i salari diminuiscono e i prezzi restano stabili (o crescono), allora calerà il potere d’acquisto e, di conseguenza, anche i consumi. Riducendosi la domanda, le imprese sono così costrette a ridurre la produzione e quindi a utilizzare meno lavoratori nei cicli produttivi. Negli ultimi mesi, insomma, quello del Regno Unito si è rivelato un modello virtuoso: disoccupazione in diminuzione, salari in crescita.
Tutto questo, però, potrebbe sfumare sotto gli effetti della Brexit, il cui referendum si terrà a breve, il 23 giugno. Già diversi studi hanno mostrato quali ripercussioni economiche avrebbero un impatto negativo in caso di uscita del Regno Unito (in termini di perdita di Pil, un aumento delle tasse per i cittadini, livelli occupazionali). L’ultimo in ordine di tempo è stato il Fondo monetario internazionale, che ha avvertito: l’economia britannica, nell’ipotesi di Brexit, subirebbe un brusco stop e già dal prossimo anno sarebbe in recessione.
È un’economia in salute, quella britannica. La produzione industriale è cresciuta del 2% ad aprile e l’indice Pmi manifatturiero è tornato nel mese di maggio sopra i 50 punti base, mentre quello dei servizi è saldamente in territorio positivo. Le vendite al dettaglio hanno evidenziato, a maggio, un ulteriore incremento.
A pagare le conseguenze più dirette di una Brexit potrebbero essere proprio i consumatori a causa di una più che possibile svalutazione della sterlina che renderebbe i prodotti di importazione meno accessibili. Ma anche le aziende esportatrici, in quanto gli accordi commerciali andrebbero rinegoziati.
Tra i principali partner europei, per quanto riguarda l’export, l’Italia è meno esposta rispetto alla Germania (lo siamo di più nei confronti di Berlino o della Spagna), ma la perdita non sarebbe del tutto indifferente. Tra gli aspetti che sembrano preoccupare maggiormente gli osservatori, i posti di lavoro a rischio. Specialmente quelli dei tanti cittadini europei che risiedono in Gran Bretagna, alle prese con eventuali nuove regole sulla libera circolazione (si contano circa 600 mila italiani che lavorano oltremanica).

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia