L’andamento economico dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’andamento economico dell’Eurozona

eurozona_occidente_crisiTra i rischi al ribasso che potrebbero compromettere la piena ripresa dell’Eurozona paventati dalla Banca centrale europea – scenari geopolitici, rallentamento delle economie emergenti – anche l’ipotesi Brexit (il referendum è in programma il 23 giugno) è motivo di preoccupazione, per quanto i sondaggi diano in queste ore di nuovo in vantaggio il fronte del “remain” sulla scia di quanto accaduto nei giorni scorsi.
La possibilità che il Regno Unito esca dall’Unione europea rappresenta un ostacolo perché l’eventuale impatto (economico) risulterebbe piuttosto esteso. Per la Banca d’Inghilterra si tratta di una minaccia alla stabilità finanziaria a causa di un probabile deprezzamento della sterlina. Per l’Europa, che pure ha registrato segnali di miglioramento negli ultimi mesi, un’ulteriore frenata arginerebbe di fatto la risalita, peggiorando così le stime di crescita.
Un andamento dell’attività a ritmo lento, tralasciando le conseguenze più dirette in caso di Brexit, avrebbe a sua volta ripercussioni su consumi e occupazione, già messi a dura prova dalla bassa inflazione per cui la Bce sta attuando misure di stimolo aggiuntive. Anche se gli incrementi occupazionali rilevati e i prezzi ancora bassi del petrolio sono un sostegno al reddito disponibile delle famiglie.
Infatti, il Pil in termini reali dell’area della moneta unica è aumentato nel primo trimestre del 2016, trainato soprattutto dalla domanda interna, mentre il trend delle esportazioni risulta più debole. Nello stesso periodo di riferimento l’occupazione nell’Eurozona è cresciuta dello 0,3%, stesso andamento rilevato nell’ultima parte del 2015.
Il migliore andamento del mercato del lavoro è confermato anche dal tasso di posti vacanti, che riguarda il lato della domanda, cioè le imprese. Nel primo trimestre 2016 è cresciuto nell’Eurozona, arrivando all’1,7% dall’1,6% del trimestre precedente (all’incirca la stessa tendenza osservata nell’Ue28).
Ma a pagarne le spese maggiormente, qualora a vincere il 23 giugno sia il fronte del “leave”, saranno soprattutto le esportazioni. E, sebbene l’Italia sia meno esposta di altri partner europei (ad esempio rispetto alla Germania), il problema riguarderebbe anche il nostro paese. Secondo le stime Sace, infatti, l’impatto negativo sull’export italiano oscillerebbe tra i 200 e i 500 milioni di euro nel 2016 e fino a 1,7 miliardi l’anno successivo.

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia