Lavoro in crescita nelle cooperative | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro in crescita nelle cooperative

computer_lavoroL’ultimo rapporto condotto dall’Area Studi Confcooperative, dal Centro Studi Legacoop e dall’Ufficio Studi Agci offre un quadro generale sull’andamento delle cooperative italiane da gennaio a aprile 2016. Le cooperative italiane contano di tornare a investire e, cosa altrettanto importante, nel primo quadrimestre del 2016 il 68,1% è riuscito a mantenere stabili i livelli occupazionali. Mentre il resto ha ammesso di averli ridotti (il 13,7%) o ha dichiarato di aver aumentato il numero degli occupati (18,1%) assumendo nuovi lavoratori e confermando quanto avvenuto durante gli anni della crisi economica.
Secondo i dati rilasciati da Confcooperative nelle scorse settimane, contrariamente a quanto accaduto nel resto del Paese – durante la recessione il numero degli occupati è passato da 23.048.00 a 22.492.000 unità, riducendosi del 2,4% – i lavoratori impiegati nelle cooperative sono aumentati: tra il 2007 e il 2015 i posti di lavoro creati dalle coop aderenti da Confcooperative (circa 19mila) sono stati oltre 48mila (+10,1%).
Confcooperative sottolinea che le coop prediligono i rapporti di lavoro stabili – il 75% degli occupati nelle imprese aderenti ha sottoscritto un contratto a tempo indeterminato –, offrendo un’opportunità lavorativa alle donne (nelle coop, il 60,8% degli occupati è una lavoratrice) e ai giovani: in una cooperativa su tre c’è almeno un addetto con meno di 35 anni.
Quello offerto dalle cooperative è un contributo consistente anche a livello europeo. In una risoluzione del 2013, il Parlamento europeo sottolineava che le cooperative – nell’Unione europea se ne contano circa 160 mila – contribuivano mediamente a generare il 5% del Prodotto interno lordo (PIL) di ciascun Paese membro, dando lavoro nel complesso a 5,4 milioni di persone.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia