Mercato del lavoro: i giovani inattivi in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato del lavoro: i giovani inattivi in Italia

giovaniSecondo il recente report dell’Isfol un giovane su tre che ha usufruito di un servizio previsto da Garanzia Giovani ha trovato lavoro a un mese dalla conclusione dell’azione intrapresa, il 40% a tre mesi e il 43% a sei mesi. Nelle regioni del Nord-Est la percentuale può raggiungere anche il 50%.
Il programma europeo Garanzia Giovani, avviato in Italia nel 2014, ha un obiettivo ambizioso: accrescere l’occupabilità dei 15-29enni che non studiano, non lavorano e che non seguono percorsi di apprendistato (i cosiddetti neet). Lo scopo, insomma, è evitare di dissipare capitale umano, una questione che non si esaurisce con i numeri e con le statistiche. Chi non trova occupazione non riesce a sviluppare capacità e competenze, insomma un danno per l’economia.
In generale, quelli relativi alla disoccupazione giovanile (15-24 anni), sono numeri inquietanti, soprattutto negli anni più duri della crisi economica, in Italia e in altri paesi dell’Eurozona. In Spagna e Grecia ha raggiunto livelli record (oltre il 50%), in Croazia e in Italia il tasso di disoccupazione giovanile ha raggiunto valori oltre il 40%. Ad aprile il dato italiano risulta essere al 36,9%, in aumento dello 0,2% su base mensile.
Per quanto riguarda i neet, segmento che comprende gli inattivi, l’Istat ha rilevato nel 2015 un primo ribasso dall’inizio della crisi. Un timido miglioramento e poco più poiché sono ancora 2,3 milioni (il 25,7% del totale) i giovani che non sono inseriti in un percorso scolastico o formativo e non sono impegnati in un’attività lavorativa. L’incidenza più elevata si registra nella componente femminile (27,1%) e tra i giovani del Mezzogiorno (in Sicilia e in Calabria sfiora il 40%), ma complessivamente nel 2014 la quota era superiore, al 26,5%.
Dal 2009, il primo anno in cui la percentuale si è attestata oltre il 20%, la crescita dei giovani che non lavorano e non studiano è risultata costante in Italia, in particolare si evidenziò un balzo di circa due punti tra il 2012 e il 2013. Nel 2014 l’Italia si confermava al penultimo posto nella graduatoria dei 28 paesi europei, alle spalle della Grecia. Dopo di noi Bulgaria, Croazia e Spagna.
Dall’indagine Isfol emerge che il numero dei giovani registrati al 31 marzo 2016 (depurato delle cancellazioni per mancanza di requisiti o ripensamenti) è superiore alle 982 mila unità, per un tasso di copertura del 57%. Su 194.118 giovani che a fine marzo hanno concluso il percorso proposto all’interno del programma, 73.289 risultano occupati (il 37,8%).
Quello dei giovani inattivi è un problema molto sentito, non solo in Italia. L’Eurofound (la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro) ha stimato per l’Ue un costo di oltre 150 miliardi di euro derivante dai giovani inattivi tra i 15 e i 29 anni. Una perdita pari a circa l’1,2% del Pil europeo.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, Juncker a Conte: «L’Ue non ha competenza per determinare il porto sicuro»

«L’Italia invoca da tempo, e a ragione, una cooperazione regionale sugli sbarchi». Lo ha scritto il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, nella lettera inviata…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fraccaro: «Abolita tassa sulla raccolta firme per i referendum, iniziative popolari e petizioni»

«Ho deciso di abolire la “tassa sulla democrazia”. Ho voluto che il mio primo atto ufficiale da ministro fosse quello di cancellare l’imposta di bollo…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Di Maio: «Mai chieste le dimissioni del ministro Tria»

«Mai chieste assolutamente le dimissioni di Tria» da ministro dell’Economia. Lo ha detto il vice premier Luigi Di Maio, replicando a chi, tra i cronisti…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, al-Sarraj: «Contrari alla costruzione di campi d’accoglienza Ue in Libia»

La Libia è «assolutamente contraria» all’ipotesi Ue di costruire nel Paese campi di accoglienza per i migranti illegali che l’UE non intende ospitare. Lo ha…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia