Lʼincertezza economica in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lʼincertezza economica in Europa

parlamento-europeo-864x520Tra gli effetti immediati della Brexit, l’incertezza economica che riguarderà tanto il Regno Unito quanto l’Europa. Le agenzie di rating stanno già valutando i rischi connessi a tale stato di incertezza (Moody’s, ad esempio, ha tagliato da stabile a negativo l’outlook del debito). Anche le elezioni spagnole, in aggiunta, hanno provocato preoccupazioni e timori tra gli osservatori.
Se nel Regno Unito ora l’incertezza è soprattutto economica (ad esempio in termini di accordi commerciali da rinegoziare), in Spagna l’incertezza politica – che sembra proseguire l’indomani del voto – può avere ripercussioni anche sull’economia. Le maggiori preoccupazioni degli imprenditori britannici riguardano il tasso di cambio, che che può avere conseguenze sulle scelte dei consumatori.
L’economia spagnola, pur presentando ritardi accumulati negli anni della crisi (il mercato del lavoro è tra gli indicatori che ha sofferto di più), sta registrando una risalita interessante, tuttavia a ritmi piuttosto altalenanti. Ad esempio, nel mese di aprile, gli ordinativi dell’industria sono tornati a crescere, mentre il fatturato è risultato in calo. Ma nel complesso anche gli ordini hanno evidenziato un calo su base tendenziale.
Il mercato del lavoro è in lieve ripresa, pur mantenendosi il tasso di disoccupazione tra i più alti dell’Eurozona (sopra il 20%). Il numero delle persone senza lavoro è diminuito al di sotto dei quattro milioni, per la prima volta da sei anni e il turismo è il settore che in questo periodo sta trainando la risalita occupazionale.
Il problema maggiore in Spagna resta la disoccupazione di lunga durata, vale a dire la condizione che interessa tutte quelle persone alla ricerca di un impiego, senza però trovarlo, da un anno o anche oltre. Secondo un recente studio Grecia, Spagna e Croazia sono i paesi dell’Ue in cui la quota di disoccupazione di lungo periodo pesa di più. Al contrario, in Gran Bretagna si registra in questo senso un valore tra i più bassi in Europa.
Il Pil spagnolo è cresciuto nel 2015 del 3,2%, quale sarà il ritmo nel 2016 è ora più difficile da pronosticare (+2,6% secondo le previsioni iniziali). Le attuali condizioni politiche, l’esito del referendum britannico in particolare, sembrano ora rimettere tutto in discussione e si temono ripercussioni negative anche sull’Eurozona, la cui crescita può essere messa a dura prova dalla Brexit. La Bce (Banca centrale europea) non aveva fatto mistero di essere pronta ad un’ulteriore iniezione di liquidità se le condizioni avverse lo renderanno necessario.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia