Brexit: i possibili effetti su export italiano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Brexit: i possibili effetti su export italiano

esportazioniNel 2015 il valore complessivo delle esportazioni italiane verso il Regno Unito ha raggiunto i 22,4 miliardi di euro. Il risultato del referendum del 23 giugno, che ha sancito l’uscita di Londra dall’Unione europea, potrebbe cambiare molte cose. Dopo una recente analisi del SACE, diversi centri studi hanno cercato di quantificarne l’impatto sull’export italiano.
Un’analisi di Prometeia osserva che l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea potrebbe comportare l’introduzione per la prima volta da 40 anni di dazi sul mercato britannico, con inevitabili ripercussioni sull’export.
Anche ipotizzando tariffe contenute, sottolinea Prometeia, il dazio medio applicato alle imprese italiane dopo Brexit potrebbe essere superiore al 5% del valore esportato. Se lo scenario ipotizzato dallo studio si concretizzasse, con le imprese italiane che manterranno invariati i prezzi in euro facendosi carico del dazio, la Brexit potrebbe costare ai nostri imprenditori oltre un miliardo di euro, pari allo 0,25% dell’export italiano nel mondo.
Pur sottolineando la difficoltà di prevedere cosa accadrà esattamente in futuro, la CGIA di Mestre sostiene che i settori principalmente interessati dalla Brexit saranno diversi – in Gran Bretagna esportiamo soprattutto auto, abbigliamento, macchine di sollevamento, medicinali, motori e turbine, vini, mobili e calzature… –, mentre il Nord-Est sarà l’area geografica più coinvolta (7,9 miliardi di euro).
L’Ufficio studi di Confartigianato sostiene che la Brexit potrebbe ridurre principalmente l’export italiano dei settori dove la concentrazione di piccole imprese è maggiore. Complessivamente, stimano gli analisti di Confartigianato, le esportazioni dei piccoli imprenditori italiani verso il Regno Unito potrebbero diminuire complessivamente di 727 milioni di euro. Le piccole imprese del Friuli Venezia Giulia, del Veneto, della Toscana e dell’Emilia-Romagna potrebbero essere quelle maggiormente colpite, conclude lo studio.

 

Scrivi una replica

News

Draghi: «Alzeremo i tassi in maniera paziente e graduale»

«Rimarremo pazienti nello scegliere le tempistiche del primo innalzamento dei tassi e utilizzeremo un approccio graduale per adeguare la politica successivamente». Lo ha detto il…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Def, Tria: «Bisogna continuare con il calo del debito»

«Il quadro macroeconomico tendenziale del Def prevede un deficit allo 0,8% del Pil nel 2019 e il pareggio di bilancio nel 2020, con il debito…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «L’Ue è inadeguata, serve una profonda riforma»

«La nostra azione in Europa deve essere volta verso una profonda riforma delle istituzioni economiche. È necessario che l’architettura economica che governa l’area valutaria comune…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «La Bce sarà paziente sul rialzo dei tassi»

«La Banca centrale europea rimarrà paziente nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi, e adotteremo un approccio graduale nel regolare la politica monetaria».…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia